Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.199,22
    -11,34 (-0,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Kering in rialzo dopo indiscrezioni su tentativo acquisto Tom Ford

Una modella indossa un abito della collezione Primavera/Estate 2023 di Tom Ford alla New York Fashion Week a Manhattan

PARIGI (Reuters) - Le azioni di Kering, controllante di Gucci, sono in rialzo, dopo indiscrezioni secondo cui la società francese che opera nel settore del lusso sarebbe in trattative avanzate per l'acquisto del marchio di moda statunitense Tom Ford.

Intorno alle 11,30, le azioni di Kering guadagnano il 4,03% dopo che ieri il Wall Street Journal ha riportato che la società sarebbe la favorita per la conclusione di un accordo, con rivali come Estee Lauder.

Kering è stata al centro di persistenti speculazioni di M&A, con la recente sottoperformance del suo marchio di punta Gucci - che rappresenta la maggior parte degli utili del gruppo - che l'ha messa sotto i riflettori del mercato dopo anni di crescita esponenziale.

"La logica è convincente", ha detto Piral Dadhania di Rbc, citando il passato di Tom Ford come direttore creativo dei marchi Kering Gucci e Yves Saint Laurent negli anni Novanta e nei primi anni Duemila, nonché l'elevato posizionamento del marchio.

Anche se non si trattasse di una "mossa azzeccata" per Kering nel breve termine, l'azienda potrebbe potenzialmente trarre vantaggio dal coinvolgimento di Ford in una veste più ampia, ha aggiunto l'analista, che ha anche osservato che il gruppo francese dispone di competenze complementari per sviluppare ulteriormente l'offerta del marchio nel settore dell'abbigliamento femminile e della pelletteria.

Figura di spicco della moda statunitense, Ford è noto per aver definito una delle epoche più popolari di Gucci prima di lanciare il proprio marchio. Ha iniziato con l'abbigliamento maschile, aggiungendo successivamente l'abbigliamento femminile, i prodotti di bellezza e gli occhiali. Secondo Exane Bnp Paribas, la maggior parte dell'attività del marchio è realizzata attraverso licenze nel settore beauty con Estee Lauder e eyewear con Marcolin.

Kering, che ha rafforzato la propria divisione dedicata all'eyewear, acquistando di recente il marchio statunitense Maui Jim, ha anche segnalato l'interesse a espandersi nel settore del beauty.

Le aziende europee del lusso hanno investito nel mercato statunitense, che l'anno scorso ha superato l'Europa diventando il primo mercato mondiale del lusso, espandendosi oltre i tradizionali luoghi di alta gamma come Madison Avenue, in città come Detroit e San Antonio.

Secondo gli analisti di Jefferies, i consumatori statunitensi mostrano un forte interesse per il lusso e si prevede che continueranno a guidare il mercato anche l'anno prossimo, soprattutto alla luce dell'incertezza in Cina, dove le rigide politiche anti Covid continuano a interrompere le attività commerciali.

Con pochi dettagli finanziari disponibili sul marchio Tom Ford, alcuni analisti si sono mostrati cauti.

"Non saremmo entusiasti" se Kering acquistasse l'azienda, hanno detto gli analisti di Exane Bnp Paribas, citando i dubbi sul valore a lungo termine del marchio e notando che i consumatori più giovani non hanno familiarità con i "giorni di gloria dello stilista per Gucci".

L'operazione non sarebbe un punto di svolta per Kering, hanno aggiunto, citando il costo potenziale di 3 miliardi di dollari, rispetto alla capitalizzazione di mercato di Kering, che è di circa 60 miliardi di euro.

(1 dollaro = 1,0220 euro)

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Stefano Bernabei)