Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.663,88
    -55,55 (-0,16%)
     
  • Nasdaq

    15.746,16
    +59,25 (+0,38%)
     
  • Nikkei 225

    28.860,62
    +405,02 (+1,42%)
     
  • EUR/USD

    1,1352
    +0,0079 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    44.516,88
    -687,38 (-1,52%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.316,96
    +11,84 (+0,91%)
     
  • HANG SENG

    23.996,87
    +13,21 (+0,06%)
     
  • S&P 500

    4.690,81
    +4,06 (+0,09%)
     

Lira turca perde 15% dopo dichiarazioni Erdogan

·2 minuto per la lettura
Il logo della Banca centrale turca ad Ankara

ISTANBUL (Reuters) - La lira turca ha fatto segnare un crollo verticale del 15% nella seconda peggiore giornata di sempre dopo che il presidente Tayyip Erdogan ha difeso i recenti drastici tagli ai tassi di interesse, e si è impegnato a vincere la sua "guerra di indipendenza economica", malgrado le critiche diffuse e gli impegni a invertire la rotta.

La lira è arrivata a scambiare a 13,45 contro il dollaro, toccando nuovi record negativi per l'undicesima sessione consecutiva. La valuta ha perso il 45% del proprio valore quest'anno, e il 26% dall'inizio della scorsa settimana.

Erdogan ha messo sotto pressione la banca centrale per ottenere un passaggio ad un ciclo aggressivamente espansivo che punta, ha detto il presidente, ad aumentare le esportazioni, gli investimenti e i posti di lavoro, anche se l'inflazione ha toccato il 20% e il deprezzamento della valuta sta accelerando, erodendo i risparmi dei turchi.

Molti economisti ritengono che i tagli dei tassi di interesse siano sconsiderati e chiedono un'inversione della rotta, mentre i politici di opposizione hanno chiesto elezioni anticipate.

L'ex governatore della banca centrale Semig Tumen, sostituito lo scorso mese nella rapida ristrutturazione dei vertici da parte di Erdogan, ha chiesto un immediato ritorno ad una politica monetaria in grado di difendere il valore della lira.

"Questo esperimento irragionevole che non ha alcuna possibilità di successo deve essere abbandonato immediatamente, con il ritorno a delle misure che possano difendere il valore della lira turca e la prosperità della popolazione" ha twittato Tumen.

Il calo di oggi è il peggiore per la lira dalla crisi monetaria del 2018, che portò ad una drastica recessione e ad anni di crescita economica scarsa ed inflazione in doppia cifra.

Malgrado la lira abbia recuperato in parte le perdite, e alle 15,20 sia ormai scambiata a 12,27 contro il dollaro, la striscia negativa di 11 giornate consecutive è la peggiore dal 1999.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Roma Stefano Bernabei, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli