Italia markets close in 54 minutes
  • FTSE MIB

    22.853,29
    -230,26 (-1,00%)
     
  • Dow Jones

    31.442,99
    +51,47 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    13.177,66
    -181,13 (-1,36%)
     
  • Nikkei 225

    29.559,10
    +150,93 (+0,51%)
     
  • Petrolio

    60,77
    +1,02 (+1,71%)
     
  • BTC-EUR

    42.117,62
    +733,96 (+1,77%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.015,78
    +27,68 (+2,80%)
     
  • Oro

    1.710,60
    -23,00 (-1,33%)
     
  • EUR/USD

    1,2063
    -0,0025 (-0,21%)
     
  • S&P 500

    3.849,85
    -20,44 (-0,53%)
     
  • HANG SENG

    29.880,42
    +784,56 (+2,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.690,01
    -17,71 (-0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8656
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CHF

    1,1068
    +0,0011 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,5249
    -0,0022 (-0,15%)
     

Mediaset, tribunale si riserva di decidere su cause civili contro Vivendi in caso Premium - fonti

·1 minuto per la lettura
La Torre Mediaset a Cologno Monzese

MILANO (Reuters) - Il Tribunale civile di Milano si è riservato di decidere sulle azioni legali e le relative richieste risarcitorie intentate da Mediaset e dalla sua controllante Fininvest nei confronti di Vivendi nell'ambito del contenzioso scaturito dalla mancata vendita di Mediaset Premium al gruppo francese nel 2016.

E' quanto emerso nel corso dell'udienza finale a porte chiuse davanti al collegio presieduto dal giudice Angelo Mambriani, secondo quanto riferito da fonti legali.

Mediaset chiede circa 3 miliardi di danni, contestando al gruppo francese la disdetta degli accordi siglati ad aprile 2016 e il successivo tentativo di scalata ostile, che ha portato il gruppo parigino a costruire una quota del 29% nel capitale di Mediaset.

Vivendi ha sempre sostenuto di aver agito legittimamente, giustificando la richiesta di modificare l'accordo originario tra i due gruppi riguardante l'acquisto di Premium con l'infodatezza delle previsioni relative all'andamento del business della pay-tv.

L'accordo, che prevedeva uno scambio azionario tra i due gruppi, era stato indicato come il primo passo di un'alleanza nell'ambito di un progetto di creazione di una media company del Sud Europa in grado di competere con i giganti dello streaming.

La pretesa di Mediaset e di Fininvest di vedersi riconosciuto un congruo risarcimento per la vicenda, cui Vivendi non ritiene di dover sottostare, è stato fin qui uno dei nodi che ha impedito una soluzione della vicenda per via stragiudiziale, nonostante diversi tentativi esperiti nel corso di questi anni.

(in redazione a Milano Elvira Pollina)