Italia Markets closed

MoneyGram usa XRP di Ripple per trasferire denaro dei clienti

Fabio Carbone

MoneyGram, il servizio di trasferimento di denaro internazionale, ha annunciato all’evento Ripple Swell 2019 in Singapore, che il 10% dei trasferimenti di denaro praticati tra gli Stati Uniti d’America e il Messico si svolgono ormai utilizzando la criptovaluta XRP di Ripple.

Il CEO di MoneyGram, Alex Holmes, ha aggiunto che la società ha già pianificato l’intenzione di espandere la soluzione ODL di Ripple, che sta utilizzando tra gli Usa e il Messico, ad altri quattro corridoi entro la fine dell’anno.

MoneyGram dal sistema tradizionale al cloud alla blockchain

Il Ceo di MoneyGram conversando a Swell 2019 con Brad Garlinghouse CEO di Ripple, ha spiegato che la società ha avviato un laboratorio per l’innovazione dove sperimenta le nuove tecnologie emergenti in fatto di trasferimento di denaro.

Il servizio di trasferimento di denaro transfrontaliero, oggi è migrato dal vecchio sistema tradizionale, oneroso e lento, a un sistema che sfrutta le risorse di cloud computing, dove viene utilizzato anche il protocollo blockchain e altre distributed ledger technology.

Holmes spiega che l’innovazione nei sistemi di trasferimento di denaro è richiesta dai clienti, perché nonostante le situazioni politiche internazionali e i cambiamenti che le società affrontano, resta l’esigenza di trasferire denaro. Ed oggi le persone vogliono trasferire denaro su canali veloci, sicuri ed economici.

On-Demand Liquidity (ODL) di Ripple

Tra le soluzioni che MoneyGram sperimenta al momento c’è il sistema On-Demand Liquidity (ODL) che usa la RippleNet. Tale sistema è stato implementato circa 6 mesi fa e oggi è appunto in fase sperimentale sul canale Usa-Messico per servire il 10% dei trasferimenti di denaro tra i due Paesi.

Il meccanismo di funzionamento è molto semplice. Immagina di dover inviare, dall’Italia, denaro ad una persona che si trova nelle Filippine. Qui usiamo euro, ma lì si usa il peso filippino (PHP).

Attraverso un sistema tradizionale, l’operazione richiederebbe alti costi di invio, commissioni di conversione valuta da euro a peso filippino e alcuni giorni, se non una settimana, per giungere a destinazione.

Su ODL l’euro viene tramutato in XRP, a viaggiare sono quindi gli XRP sulla RippleNet attraverso i nodi della rete di Ripple. Prima di giungere a destinazione gli XRP vengono scambiati in valuta locale, il peso Filippino, e la persona destinataria della somma li può ritirare per usarli.

Per effettuare questo processo, il sistema ODL impiega 3 secondi e applicando commissioni decisamente più basse del canale tradizionale.

ODL è operativo sul corridoio messicano, verso le Filippine, altri corridoi vanno verso l’Australia e il Brasile. Nel 2020 dovrebbero essere aperti il corridoio APAC, il corridoio EMEA e LATAM.

Ripple ha investito 50 milioni di USD in MoneyGram

Se tutto ciò è avvenuto in così poco tempo è dovuto al fatto che Ripple ha investito ben 50 milioni di dollari in MoneyGram, perché quest’ultima adottasse il sistema di pagamento transfrontaliero basato sulla criptovaluta XRP.

L’annuncio dell’investimento era avvenuto solo a metà giugno di quest’anno e prevedeva appunto l’impegno da parte di MoneyGram ad usare XRP.

Si tratta quindi di una adozione ‘fortemente incoraggiata’, che staremo a vedere quali frutti porterà nei prossimi anni.

Altre società usano ODL di Ripple

In un altro annuncio di pochi giorni fa, Ripple ha reso noto che anche altre società che processano pagamenti transfrontalieri usano il sistema ODL basato su XRP.

Tra queste società ci sono: Viamericas, FlashFX, goLance, Interbank Peru.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: