Italia markets open in 5 hours 51 minutes
  • Dow Jones

    31.188,38
    +257,86 (+0,83%)
     
  • Nasdaq

    13.457,25
    +260,07 (+1,97%)
     
  • Nikkei 225

    28.741,88
    +218,62 (+0,77%)
     
  • EUR/USD

    1,2133
    +0,0018 (+0,15%)
     
  • BTC-EUR

    28.609,22
    -282,44 (-0,98%)
     
  • CMC Crypto 200

    688,69
    -11,92 (-1,70%)
     
  • HANG SENG

    29.816,19
    -146,28 (-0,49%)
     
  • S&P 500

    3.851,85
    +52,94 (+1,39%)
     

Previsioni su Oro, Petrolio e Gas Naturale: il Gas si Muove Sopra i 2,8 Dollari, Greggio Ancora Stabile

Alberto Ferrante
·4 minuto per la lettura

Nella giornata di ieri, dopo il crollo precedente, l’oro è rimasto stabile sotto i 1850 dollari l’oncia, lasciando intendere un possibile tentativo di consolidamento intorno a questa fascia di prezzo.

Allo stesso modo, anche il greggio è riuscito a mantenersi stabile, con il Wti sopra i 52 dollari e il Brent sopra i 55,5 dollari. Il gas naturale ha continuato invece a muoversi intorno ai 2,7 dollari, ma stamattina ha superato i 2,8 dollari con un rialzo attualmente del +3%.

Previsioni su Oro, Petrolio e Gas Naturale

L’oro si è contratto particolarmente nella seduta di ieri, per poi tornare sulla soglia dei 1850 dollari l’oncia, sfruttando le fasce di supporto più vicine e restando vicino all’EMA a 200 giorni. Per il momento, dunque, il supporto a 1825 dollari sta permettendo alla risorsa di evitare un balzo pericoloso al ribasso.

Se il prezzo non dovesse consolidarsi, tentando invece un nuovo rialzo, sarà da monitorare l’area di resistenza a quota 1873 dollari, che potrebbe aprire le porte a nuovi acquisti fino ai 1900 dollari.

Per quanto concerne il petrolio, il prezzo ha continuato a mantenersi stabile dopo alcune fluttuazioni legate prevalentemente ai nuovi casi di contagi nel mondo e soprattutto in Cina, la cui ripresa aveva fatto sperare in un drastico aumento della domanda nel medio termine.

Per il Brent, è difficile ipotizzare nel brevissimo termine un calo netto sotto i 55 dollari, mentre il greggio Wti si mostra più volatile, con diversi tentativi di raggiungere quota 52,7 dollari, una resistenza apparentemente non semplice da superare.

Secondo l’ultima analisi tecnica, invece, la ripresa del dollaro statunitense starebbe contribuendo a spingere il prezzo sotto i 52 dollari, intorno a cui potrebbe trovarsi un’area di forte consolidamento.

Per il gas naturale, infine, il prezzo è rimasto compreso a lungo tra i 2,6 e i 2,7 dollari, con la minaccia (ancora attuale) di contrarsi anche verso quota 2,5 dollari. Nella mattinata di oggi, alle ore 8:15, il gas naturale si è però spinto sopra la soglia di resistenza dei 2,75 dollari e viene scambiato adesso a 2,828, un nuovo massimo relativo che non veniva toccato da tempo.

Il Calendario Economico della Settimana

Nella giornata di ieri, l’indice FTSE MIB di Piazza Affari ha terminato la sua corsa in lieve calo del -0,32%, con una contrazione comunque inferiore a quella del DAX30 tedesco (-0,80%) e del CAC40 francese (-0,78%), mentre l’Ibex-35 si è contratto del -0,60%.

La nuova settimana dei mercati continua con le vendite al dettaglio italiane a Novembre 2020 e con il rapporto statunitense sull’ottimismo delle piccole imprese.

Si conosceranno anche le previsioni dell’Energy Information Administration (EIA) statunitense sui mercati energetici nel breve termine.

Domani sarà il turno della produzione industriale italiana sempre aggiornata al mese di Novembre 2020, della produzione industriale a livello UE per lo stesso periodo e degli investimenti diretti esteri da parte della Cina.

Nel pomeriggio, come sempre, si conosceranno i dati sulle scorte di petrolio greggio negli USA, insieme alla produzione di distillati e benzina.

La giornata di Giovedì si aprirà con il PIL tedesco, diverse aste di BTP in Italia (a 3, 7, 10 e 30 anni) e le dichiarazioni sulla politica monetaria della BCE, che rappresenterà sicuramente l’elemento di maggiore impatto della giornata.

Giovedì sarà anche la giornata dedicata agli aggiornamenti settimanali sulle richieste di sussidi di disoccupazione negli USA, a cui seguirà nel pomeriggio il saldo della bilancia commerciale cinese a fine 2020.

Infine, venerdì 15 Gennaio 2021, la giornata si aprirà con il PIL, la produzione industriale e la produzione manifatturiera del Regno Unito (gli ultimi due dati aggiornati a Novembre 2020), oltre alla sua bilancia commerciale UE e non-UE.

Aggiornamento a Novembre 2020 sulla bilancia commerciale anche per l’Unione Europea, atteso nella mattinata, mentre dagli USA giungeranno i dati aggiornati al mese di Dicembre 2020 sulle vendite al dettaglio, sulla produzione industriale e sulla produzione manifatturiera.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: