Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    24.636,26
    +89,76 (+0,37%)
     
  • Dow Jones

    33.212,96
    +575,77 (+1,76%)
     
  • Nasdaq

    12.131,13
    +390,48 (+3,33%)
     
  • Nikkei 225

    26.781,68
    +176,84 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    115,07
    +0,98 (+0,86%)
     
  • BTC-EUR

    26.832,75
    -306,79 (-1,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    625,79
    -3,71 (-0,59%)
     
  • Oro

    1.850,60
    +3,00 (+0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,0739
    +0,0006 (+0,0537%)
     
  • S&P 500

    4.158,24
    +100,40 (+2,47%)
     
  • HANG SENG

    20.697,36
    +581,16 (+2,89%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.808,86
    +68,55 (+1,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8497
    -0,0014 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0271
    -0,0016 (-0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,3655
    -0,0046 (-0,33%)
     

Prezzo Oro Prosegue il Consolidamento e Guarda Ancora ai 2000$

·2 minuto per la lettura

Ancora vivi gli stimoli rialzisti per il prezzo dell’oro, che sta riuscendo a mantenersi sopra il livello di 1970 dollari l’oncia, nonostante la forte pressione in quest’are.

In questa fase di consolidamento, il prezzo dell’oro potrebbe rimanere poco volatile ancora per diversi giorni. La seconda metà del mese di Aprile 2022 potrebbe dunque risolversi senza troppe sorprese per il prezzo dell’oro, ma non si possono escludere a priori una nuova impennata verso i 2000 dollari oppure un crollo sotto i 1950 dollari.

Intanto, stamattina alle ore 7:23, il prezzo dell’oro si trova esattamente a quota 1974,4 dollari, in linea con la scorsa apertura.

Previsioni sul prezzo dell’oro

Il prezzo dell’oro viaggia quest’oggi in linea con le giornate precedenti, dopo lo stacco di Pasqua. Si possono quindi in parte riprendere le ultime previsioni, che vedono appunto come ipotesi più verosimile quella di un consolidamento sopra i 1970 dollari l’oncia, in attesa del momento giusto per segnare un rialzo verso il livello psicologico di 2000 dollari.

Questo scenario rialzista potrebbe essere raggiunto anche senza consolidamento, con un allungo trainato da dati macro e sentiment di mercato, ma la pressione ribassista sui 2000 dollari potrebbe così aprire la strada a più ampi realizzi.

Al ribasso, lo scenario bearish si sbloccherebbe con un calo sotto il livello di 1950 dollari l’oncia, che potrebbe aprire agevolmente la strada a un ritracciamento più ampio anche fino ai 1920/1930 dollari l’oncia, già nel breve termine.

Il calendario economico

Il calendario economico di oggi, dopo la pausa di Pasqua, vede protagonisti solo alcuni dati USA di minor rilievo, come i permessi di costruzione e le scorte di petrolio greggio secondo l’API.

Domani si prosegue invece con la bilancia commerciale italiana e dell’Eurozona e con la produzione industriale dell’Eurozona.

Giovedì, dagli USA si attende il consueto aggiornamento sulle richieste di sussidi di disoccupazione, mentre dall’Europa giungeranno gli aggiornamenti sull’inflazione e i dati sulla fiducia dei consumatori.

Infine, venerdì la settimana volge al termine con gli indici S&P Global Manifacturing e Services per l’Eurozona, il Regno Unito e gli USA.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli