Italia markets open in 1 hour 42 minutes
  • Dow Jones

    34.077,63
    -123,04 (-0,36%)
     
  • Nasdaq

    13.914,77
    -137,58 (-0,98%)
     
  • Nikkei 225

    29.090,21
    -595,16 (-2,00%)
     
  • EUR/USD

    1,2067
    +0,0026 (+0,22%)
     
  • BTC-EUR

    45.732,94
    -1.876,77 (-3,94%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.244,75
    -54,21 (-4,17%)
     
  • HANG SENG

    29.165,33
    +59,18 (+0,20%)
     
  • S&P 500

    4.163,26
    -22,21 (-0,53%)
     

Spionaggio con la Russia, arrestato ufficiale italiano

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
Classified information
Classified information

Sarebbe accusato spionaggio e reati contro la sicurezza dello Stato un ufficiale della marina militare italiana che avrebbe ceduto documento "classificati" a un ufficiale russo in cambio di cinquemila euro in contanti. 

L'ufficiale italiano, un Capitano di Fregata della Marina Militare, è stato arrestato dai carabinieri del Ros. Si tratterebbe - secondo quanto apprende l'ANSA da fonti inquirenti - di Walter Biot, in servizio all'ufficio Politica Militare dello Stato maggiore della Difesa.

La posizione del cittadino straniero, un ufficiale delle Forze Armate russe di stanza nel nostro Paese, è al vaglio in relazione al suo status diplomatico.

Il capitano di Fregata arrestato avrebbe consegnato all'ufficiale dell'esercito russo documenti classificati esclusivamente di natura militare: nello specifico si tratterebbe di copie di documenti che erano all'attenzione dello Stato Maggiore della Difesa riguardanti i sistemi di telecomunicazione militare.

Tra i dossier classificati - quanto riporta askanews da fonti qualificate - ci sarebbero anche documenti della Nato. L'ufficiale avrebbe dunque messo a rischio non soltanto la sicurezza nazionale ma anche quella di altri Paesi dell'Alleanza atlantica.

Alle carte classificate, secondo quanto si apprende da fonti qualificate, il capitano di fregata avrebbe avuto accesso in quanto era in servizio allo Stato maggiore della Difesa.

LEGGI ANCHE: Il rapporto dell'Intelligence Usa: "Iran e Russia cercarono di interferire nelle elezioni"

L'intervento del Ros, sotto la direzione della Procura di Roma, è avvenuto in occasione di un incontro clandestino, avvenuto in un parcheggio della Capitale, tra i due militari, che sono stati sorpresi in flagranza mentre l'ufficiale italiano cedeva all'altro i documenti riservati.

L'ufficiale italiano dovrà rispondere di reati gravi, come procacciamento di notizie concernenti la sicurezza dello Stato, spionaggio politico e militare, diffusione di notizie di cui è vietata la divulgazione. Il militare rischia fino a 25 anni di carcere.

L'operazione è stata condotta dall'Agenzia Informazioni Sicurezza Interna, con il supporto dello Stato Maggiore della Difesa.

In relazione a quanto accaduto, la Farnesina ha reso noto che il Segretario Generale del Ministero degli affari esteri, Elisabetta Belloni, ha convocato al Ministero - su istruzioni del Ministro Luigi Di Maio - l'Ambasciatore della Federazione Russa presso la Repubblica Italiana, Sergey Razov.

Il ministro Di Maio ha parlato di "un atto ostile di estrema gravità" per il quale "abbiamo assunto immediatamente i provvedimenti necessari". Il ministro degli Esteri ha quindi comunicato che "abbiamo trasmesso all'ambasciatore russo la ferma protesta del governo italiano e notificato l'immediata espulsione dei due funzionari russi coinvolti in questa gravissima vicenda. Ringrazio la nostra intelligence e tutti gli apparati dello Stato che ogni giorno lavorano per la sicurezza del nostro Paese".

"La decisione delle autorità italiane di espellere i due funzionari russi è infondata e avrà un impatto negativo sulle relazioni italo russe", ha risposto il presidente della commissione della Duma per gli Affari Internazionali, Leonid Slutsky.

GUARDA ANCHE: Pesante condanna per spionaggio in Russia contro cittadino Usa