Italia markets close in 2 hours 3 minutes
  • FTSE MIB

    24.428,33
    -290,48 (-1,18%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,93 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,94 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.162,83
    -120,20 (-0,42%)
     
  • Petrolio

    74,34
    -1,94 (-2,54%)
     
  • BTC-EUR

    15.507,75
    -468,30 (-2,93%)
     
  • CMC Crypto 200

    379,46
    -3,19 (-0,83%)
     
  • Oro

    1.750,70
    -3,30 (-0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,0442
    +0,0037 (+0,36%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.297,94
    -275,64 (-1,57%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.929,52
    -32,89 (-0,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8665
    +0,0070 (+0,81%)
     
  • EUR/CHF

    0,9855
    +0,0018 (+0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,4051
    +0,0145 (+1,04%)
     

Usa, crescita occupazione supera stime ottobre; tasso disoccupazione sale a 3,7%

Persone in cerca di lavoro alla fiera delle carriere della Rutgers University, a New Brunswick

WASHINGTON (Reuters) - I datori di lavoro statunitensi hanno assunto più lavoratori del previsto nel mese di ottobre, ma un incremento del tasso di disoccupazione al 3,7% ha suggerito un certo allentamento delle condizioni del mercato del lavoro, che consentirebbe alla Federal Reserve di orientarsi verso aumenti più contenuti dei tassi di interesse a partire da dicembre.

Gli occupati non agricoli sono aumentati di 261.000 unità il mese scorso, secondo quanto emerge dal report sull'occupazione del Dipartimento del Lavoro. I dati relativi al mese di settembre sono stati rivisti al rialzo, con l'aggiunta di 315.000 posti di lavoro invece dei 263.000 precedentemente riportati.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto 200.000 posti di lavoro, con stime che andavano da 120.000 a 300.000 unità.

Il tasso di disoccupazione è salito al 3,7% dal 3,5% di settembre. La retribuzione oraria media è aumentata dello 0,4% dopo il +0,3% di settembre. Probabilmente è stata favorita da effetti di calendario.

I salari sono aumentati del 4,7% su base annua a ottobre, dopo essere saliti del 5,0% a settembre, in quanto i forti aumenti dello scorso anno non sono stati presi in considerazione nel calcolo. Anche altre misure salariali sono cessate, il che fa ben sperare per l'inflazione.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Stefano Bernabei)