Italia markets close in 1 hour 52 minutes
  • FTSE MIB

    26.826,18
    +19,99 (+0,07%)
     
  • Dow Jones

    35.666,30
    +175,61 (+0,49%)
     
  • Nasdaq

    15.300,18
    +64,35 (+0,42%)
     
  • Nikkei 225

    28.820,09
    -278,15 (-0,96%)
     
  • Petrolio

    82,14
    -0,52 (-0,63%)
     
  • BTC-EUR

    52.953,93
    +1.869,36 (+3,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.485,46
    +66,08 (+4,66%)
     
  • Oro

    1.806,90
    +8,10 (+0,45%)
     
  • EUR/USD

    1,1640
    +0,0034 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    4.573,52
    +21,84 (+0,48%)
     
  • HANG SENG

    25.555,73
    -73,01 (-0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.216,54
    -4,34 (-0,10%)
     
  • EUR/GBP

    0,8449
    +0,0008 (+0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0654
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4377
    +0,0036 (+0,25%)
     

Usa, Sec propone regole trasparenza per hedge fund su voti retribuzione manager

·2 minuto per la lettura
Il Presidente della Sec Gary Gensler interviene al Senato Usa

WASHINGTON/BOSTON (Reuters) - La Sec, la massima autorità statunitense dei mercati finanziari, ha proposto di chiedere ai grandi hedge fund di dichiarare come votano sulle politiche di remunerazione dei top manager.

In questo modo, questo ristretto gruppo di influenti investitori dovrebbe adeguarsi a una serie di regole in vigore da un decennio per altri grandi fondi, rendendo pubblici i propri voti sulla retribuzione dei dirigenti.

La proposta, soggetta a un periodo di pubblica consultazione di 60 giorni prima di qualsiasi ulteriore sviluppo, imporrebbe inoltre ai grandi investitori maggiori dettagli sul modo in cui il prestito di azioni influenzi il voto, oltre a fornire indicazioni sul modo in cui i fondi e i loro manager mettono a punto i report, imponendo l'utiizzo di un linguaggio dati standard che faciliti l'analisi.

La Sec si è espressa con 4 voti a favore contro uno contrario. Si tratta della prima proposta sui regolamenti giunta durante la presidenza del democratico Gary Gensler.

Nel complesso, i cambiamenti sono studiati per portare maggiore trasparenza alle assemblee annuali degli azionisti, in parte applicando delle regole imposte dalle riforme finanziarie Dodd-Frank del 2010.

In media, la retribuzione dei Ceo delle aziende quotate all'S&P 500 è cresciuta del 52% in dieci anni, a 12,18 milioni di dollari nel 2020 contro gli 8 milioni del 2010, secondo la società di consulenza Farient Advisers.

La riforma Dodd-Frank, tra le altre cose, imponeva che venisse data agli azionisti la possibilità di esprimere i cosiddetti voti "say-on-pay", ossia voti consuntivi sulla remunerazione dei manager, che hanno messo i Ceo e la loro retribuzione al centro dell'attenzione delle assemblee nel corso dell'ultimo decennio.

I voti, insieme con le comunicazioni che i grandi fondi hanno dovuto pubblicare dal 2004 tramite Form N-Px, hanno già messo sotto esame i più grandi asset manager.

Il Commissario della Sec Allison Lee ha detto che le comunicazioni giunte tramite Form N-Px sono troppo farraginose per mostrare agli investitori in che modo si svolgono le votazioni.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli