Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.222,43
    +1,37 (+0,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8573
    -0,0012 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4186
    +0,0060 (+0,43%)
     

Villeroy e Nagel chiedono accelerazione su unione mercati capitali Ue

Il governatore della banca centrale francese, Francois Villeroy de Galhau, a Parigi

PARIGI (Reuters) - La guerra in Ucraina, l'inflazione e la crisi energetica hanno reso più importante che mai la realizzazione di un'unione dei mercati dei capitali per finanziare la transizioni verde e quella digitale.

Lo hanno affermato i governatori delle banche centrali di Francia e Germania.

In un editoriale a doppia firma pubblicato su Les Echos e sull'Handelsblatt, François Villeroy de Galhau e Joachim Nagel hanno cercato di mostrare unità in un momento di tensione tra Parigi e Berlino.

"L'Europa è al centro della crisi: la guerra della Russia contro l'Ucraina, la crisi energetica, l'inflazione. Oggi scriviamo insieme con un'unica convinzione: la nostra unità sta diventando più difficile, ma più essenziale", si legge nell'articolo.

"E ciò che vale per l'Europa nel suo complesso, vale innanzitutto per l'amicizia franco-tedesca: dividerci significherebbe condannarci", hanno aggiunto.

Francia e Germania sono state ai ferri corti nell'ultimo mese e hanno rinviato un vertice per cercare di risolvere le loro divergenze.

I due banchieri hanno affermato che è fondamentale che l'iniziativa dell'Unione dei mercati dei capitali (Cmu) lanciata dall'Unione europea nel 2015 vada avanti per la stabilità finanziaria, promuovendo la diversificazione geografica delle fonti di finanziamento e rafforzando la condivisione dei rischi del settore privato attraverso lo sviluppo del finanziamento azionario.

"Dobbiamo più che mai accelerare la transizione energetica e quindi abbiamo bisogno delle risorse finanziarie fornite da una Cmu verde", hanno detto Villeroy e Nagel, aggiungendo che è imperativo rendere il blocco più attraente per gli investitori nazionali ed esteri.

"Completare l'unione dei mercati dei capitali è certamente un percorso lungo. Affinché abbia successo, è importante impostare ora la giusta rotta", hanno detto.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Claudia Cristoferi)