Italia markets open in 58 minutes
  • Dow Jones

    34.086,04
    +368,95 (+1,09%)
     
  • Nasdaq

    11.584,55
    +190,74 (+1,67%)
     
  • Nikkei 225

    27.346,88
    +19,77 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,0874
    +0,0008 (+0,08%)
     
  • BTC-EUR

    21.229,47
    +67,08 (+0,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    524,33
    +5,54 (+1,07%)
     
  • HANG SENG

    21.972,74
    +130,41 (+0,60%)
     
  • S&P 500

    4.076,60
    +58,83 (+1,46%)
     

Zona Euro, inflazione in calo a dicembre, ma poca tregua per Bce

La sede della Bce, parzialmente coperta dalla nebbia, a Francoforte, in Germania

FRANCOFORTE (Reuters) - L'inflazione della zona euro è diminuita più del previsto il mese scorso, ma le pressioni sui prezzi sottostanti sono aumentate, facendo supporre che la Banca centrale europea continuerà ad aumentare i tassi di interesse per i mesi a venire.

I prezzi al consumo nella zona euro, comprendente 20 Paesi da quando la Croazia è entrata a farne parte l'1 gennaio, sono rallentati al 9,2% a dicembre dal 10,1% del mese precedente, al di sotto della previsione del 9,7% di un sondaggio Reuters, in base ai dati Eurostat pubblicati oggi.

Ma questa notizia apparentemente positiva ha mascherato una tendenza avversa poiché gran parte del calo è dovuto ai prezzi dell'energia più bassi, mentre tutti i componenti chiave dell'inflazione 'core' hanno accelerato.

L'inflazione core, che esclude i prezzi volatili dei prodotti alimentari e dell'energia è salita al 6,9% dal 6,6%, mentre un indicatore ancora più ristretto che esclude anche i prezzi di alcol e tabacco ha mostrato un incremento dell'inflazione al 5,2% dal 5%.

L'inflazione dei servizi e dei beni industriali non energetici, entrambi osservati attentamente dalla Bce per valutare la durata della crescita dei prezzi, ha accelerato, incrementando i timori che la crescita dei prezzi sia più ostinata di quanto temuto.

Un'altra preoccupazione è che l'inflazione complessiva potrebbe essere diminuita a causa di una serie di misure una tantum o temporanee, compresi i sussidi governativi, e parte di ciò potrebbe essere invertito a gennaio, quando l'inflazione potrebbe accelerare ancora una volta.

Ma anche se la volatilità dei prezzi è destinata ad essere elevata nei prossimi mesi, l'inflazione ha probabilmente raggiunto il picco e il vero problema è quanto velocemente tornerà verso il target del 2% della Bce.

Il problema è che più a lungo la crescita dei prezzi rimane elevata, più difficile sarà domarla poiché le aziende iniziano ad adattare le proprie politiche di prezzi e salari, perpetuando l'inflazione.

Questo è il motivo per cui lo scorso anno la Bce ha alzato i tassi di un totale di 2,5 punti percentuali - rispecchiando altre banche centrali globali, anche se con un certo ritardo - e ha promesso grandi aumenti sia a febbraio che a marzo in quello che è già il ciclo di inasprimento delle politiche monetarie più aggressivo della storia della banca.

Ma anche così, l'inflazione non tornerà al 2% fino alla seconda metà del 2025, secondo le stesse proiezioni della Bce, che si sono dimostrate eccessivamente ottimistiche negli ultimi due anni, suggerendo che i rischi sono orientati verso un processo disinflazionistico più lento.

Sia i mercati che i sondaggi stanno iniziando a prendere in considerazione la possibilità che l'inflazione rimanga al di sopra del 2%, in parte perché una serie di fattori esterni stanno aggravando i problemi della Bce.

Si supponeva che una recessione invernale avrebbe fatto aumentare la disoccupazione, incidendo profondamente sulle pressioni sui prezzi. Ma la recessione si sta rivelando meno profonda del previsto e l'occupazione, già a livelli record, sta effettivamente aumentando, non diminuendo.

Anche il sostegno fiscale alle famiglie si sta rivelando più generoso di quanto sperato e questa spesa in eccesso va ad incrementare il potere d'acquisto, contrastando le politiche restrittive della Bce.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Stefano Bernabei)