Italia Markets close in 2 hrs 23 mins

Aerei, è sempre più addio ai bagagli gratis

A rendere il bagaglio a mano a pagamento è Wizz Air, sesto vettore per passeggeri trasportati in Italia nel 2017. (Credits – Getty Images)

Volare low cost, ma senza bagaglio a mano. Il trend iniziato da Ryanair trova sempre più sostenitori tra le compagnie aeree e ora i passeggeri devono fare i conti anche con i bagagli. In particolare, a rendere il bagaglio a mano a pagamento è Wizz Air, sesto vettore per passeggeri trasportati in Italia nel 2017.

Come si legge sul sito della compagnia aerea, infatti, a partire dal 1° novembre, tutti i passeggeri avranno diritto di portare a bordo una borsa a mano gratuita di dimensioni massime di 40x30x20 cm. I passeggeri che hanno acquistato WIZZ Priority potranno portare a bordo un bagaglio tipo trolley aggiuntivo di dimensioni massime di 55x40x23 cm. Inoltre, Wizz Air introduce un nuovo tipo di bagaglio da stiva con peso massimo di 10 kg, oltre alle opzioni già disponibili di 20 e 32 kg. Gli acquisti possono essere effettuati secondo il nuovo regolamento per i bagagli a mano in vigore dal 10 ottobre 2018 per i viaggi a partire dal 1° novembre. Per i clienti che viaggiano a partire dal 1° novembre 2018 e che hanno acquistato i biglietti prima del 10 ottobre senza WIZZ Priority, la prenotazione verrà aggiornata con un bagaglio da stiva gratuito da 10 kg. Per i clienti che hanno già acquistato bagagli da stiva da 20 o 32 kg, verrà aggiunto WIZZ Priority alla prenotazione.

Il costo extra, dunque, parte da 5 euro per imbarcare il trolley nella cappelliera sopra di noi, mentre costa da 7 euro imbarcarlo in stiva. Come dice Andrea Petroni di VoloGratis.org, “al momento i viaggiatori sono molto confusi, non capiscono più cosa succederà dal primo novembre. E la giustificazione sui ritardi non mi convince” spiega a la Repubblica.

Potrebbe anche interessarti:

Ryanair: “Bagaglio ancora gratis per 2 mln passeggeri”

Rincorre aereo in pista, passeggero arrestato a Dublino

Ryanair: Micheal O’Leary minaccia di lasciare