Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.435,75
    +218,19 (+0,83%)
     
  • Dow Jones

    34.030,91
    +81,50 (+0,24%)
     
  • Nasdaq

    11.645,63
    +133,22 (+1,16%)
     
  • Nikkei 225

    27.382,56
    +19,81 (+0,07%)
     
  • Petrolio

    79,58
    -1,43 (-1,77%)
     
  • BTC-EUR

    21.336,27
    -11,45 (-0,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    526,46
    +9,45 (+1,83%)
     
  • Oro

    1.930,40
    +0,40 (+0,02%)
     
  • EUR/USD

    1,0870
    -0,0022 (-0,21%)
     
  • S&P 500

    4.078,51
    +18,08 (+0,45%)
     
  • HANG SENG

    22.688,90
    +122,12 (+0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.178,01
    +4,03 (+0,10%)
     
  • EUR/GBP

    0,8770
    -0,0006 (-0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0014
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,4464
    -0,0040 (-0,27%)
     

Bce, Bitcoin è sostenuto artificialmente e non dovrebbe essere legittimato

Diverse monete con il logo di Bitcoin

FRANCOFORTE (Reuters) - La Banca centrale europea ha detto che il Bitcoin è sostenuto artificialmente e non dovrebbe essere legittimato dalle autorità di regolamentazione o dalle società finanziarie, poiché è più simile al gioco d'azzardo.

Il Bitcoin e le altre criptovalute sono state presentate in vari modi come una forma alternativa di denaro e come uno scudo contro le politiche inflazionistiche perseguite dalle principali banche centrali come la Bce negli ultimi anni.

Ma un crollo del 75% nell'ultimo anno, proprio quando l'inflazione è aumentata, e una serie di scandali, tra cui il fallimento della piattaforma Ftx questo mese, hanno dato ai critici tra i banchieri centrali e le autorità di regolamentazione l'opportunità di reagire.

Il valore del Bitcoin ha raggiunto un picco di quasi 69.000 dollari nel novembre 2021, prima di scendere a circa 17.000 dollari a metà giugno 2022, dove si trova tuttora.

Usando un linguaggio insolitamente aspro, la Bce ha affermato, in un articolo sul blog della banca, che la recente stabilizzazione del Bitcoin ha rappresentato "un ultimo sussulto artificialmente indotto prima di avviarsi all'irrilevanza".

"I grandi investitori di Bitcoin hanno i più forti incentivi a mantenere in vita l'entusiasmo", hanno scritto gli autori dell'articolo, Ulrich Bindseil e Juergen Schaaf. "Alla fine del 2020, alcune singole società hanno iniziato a promuovere il Bitcoin a spese dell'azienda. Anche alcune società di venture capital stanno ancora effettuando forti investimenti", si legge nel testo.

Bindseil e Schaaf hanno precisato che gli investimenti di Vc nel settore delle criptovalute e della blockchain ammontavano a 17,9 miliardi di dollari a metà luglio, ma non hanno fornito prove di manipolazione dei prezzi.

Le autorità di regolamentazione globali stanno elaborando regole per il mondo delle criptovalute, un ecosistema complesso che spazia dalle stablecoin, che si suppone siano sostenute da valute convenzionali, a forme di prestito che avvengono sulla blockchain o sulla tecnologia distributed ledger, che sta alla base di queste valute.

Nel blog della Bce si legge che la regolamentazione potrebbe essere "fraintesa per approvazione".

"Poiché il Bitcoin non sembra essere adatto né come sistema di pagamento né come forma di investimento, non dovrebbe essere trattato come tale in termini normativi e quindi non dovrebbe essere legittimato", hanno detto Bindseil e Schaaf.

Le criptovalute verrebbero inquadrate meglio se venissero considerate come scommesse o gioco d'azzardo dalle autorità di regolamentazione, ha affermato Bindseil in un'e-mail a Reuters.

Gli autori hanno aggiunto nel blog che il coinvolgimento di asset manager, prestatori di servizi di pagamento, assicurazioni e banche con le criptovalute "suggerisce ai piccoli investitori che gli investimenti in Bitcoin sono solidi".

"L'industria finanziaria dovrebbe fare attenzione ai danni a lungo termine derivanti dalla promozione degli investimenti in Bitcoin, nonostante i profitti a breve termine che potrebbero ottenere", hanno affermato gli autori del blog.

Le parole della Bce hanno un certo peso perché è la massima autorità di vigilanza delle banche della zona euro e ha voce in capitolo sulla regolamentazione finanziaria dell'Unione europea.

La presidente della Bce Christine Lagarde ha detto lunedì che il regolamento europeo relativo ai mercati delle cripto-attività (MiCA), in fase di approvazione, dovrà probabilmente essere ampliato in una nuova versione che ha definito "MiCA 2".

Era probabilmente un riferimento al Bitcoin, che non è incluso nel MiCA perché non ha un'entità legale nell'Ue, il che significa che solo le piattaforme di scambio rientrano in tali regole.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Claudia Cristoferi)