Italia markets open in 4 hours 52 minutes
  • Dow Jones

    33.919,84
    -50,63 (-0,15%)
     
  • Nasdaq

    14.746,40
    +32,49 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    29.818,46
    -21,25 (-0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,1732
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    35.820,10
    -881,88 (-2,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.042,16
    -21,69 (-2,04%)
     
  • HANG SENG

    24.221,54
    +122,40 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    4.354,19
    -3,54 (-0,08%)
     

Bce, Lagarde convince dissidenti, ma due si oppongono in dibattito su guidance - fonti

·2 minuto per la lettura

FRANCOFORTE (Reuters) - Un significativo gruppo di membri della Bce si è opposto alla nuova guidance sui tassi d'interesse proposta oggi dalla banca centrale, che ha tuttavia ha convinto la maggioranza dei dissidenti lasciando solo due oppositori.

Lo hanno riferito a Reuters quattro fonti.

La Bce ha affermato dopo il meeting di oggi che non aumenterà i tassi d'interesse finché l'inflazione non raggiungerà il target del 2% "ben prima del termine dell'orizzonte della proiezione, in modo durevole", un impegno a cui si sono opposti Jens Weidmann, presidente della Bundesbank, e Pierre Wunsch, governatore della banca centrale del Belgio.

"È stato un dibattito inaspettatamente forte e ben più di due persone hanno espresso le loro preoccupazioni, anche se la maggioranza è stata convinta da Lagarde (presidente della Bce)", ha detto una delle fonti.

Un terzo membro dell'istituto, che ha espresso a sua volta significative obiezioni, ha lasciato il meeting prima della sua fine e si è astenuto dal conteggio finale, secondo una delle fonti.

La Bce, la Bundesbank e la banca centrale belga non hanno commentato.

Secondo gli oppositori, la nuova guidance lega le mani della banca centrale troppo a lungo, implicando l'impossibilità di aumentare i tassi d'interesse per i prossimi cinque anni e oltre. Hanno aggiunto che la guidance è complessa e che non è in linea con l'obiettivo della Bce di semplificare le comunicazioni dell'istituto.

I banchieri centrali hanno anche tenuto lunghe discussioni sulla possibile preferenza della banca per un'inflazione oltre il target del 2% e alcuni volevano una menzione di un'inflazione di "almeno al 2%" nel comunicato ufficiale.

Anche se i membri della banca centrale hanno evitato una simile formulazione, Lagarde ha comunque usato l'espressione "almeno al 2%", innervosendo alcuni partecipanti al dibattito, secondo quanto riferito da due fonti.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli