Italia markets close in 5 hours 35 minutes
  • FTSE MIB

    24.067,20
    +18,91 (+0,08%)
     
  • Dow Jones

    32.196,66
    +466,36 (+1,47%)
     
  • Nasdaq

    11.805,00
    +434,00 (+3,82%)
     
  • Nikkei 225

    26.547,05
    +119,40 (+0,45%)
     
  • Petrolio

    110,21
    -0,28 (-0,25%)
     
  • BTC-EUR

    28.505,41
    -217,73 (-0,76%)
     
  • CMC Crypto 200

    665,27
    -15,84 (-2,33%)
     
  • Oro

    1.800,50
    -7,70 (-0,43%)
     
  • EUR/USD

    1,0420
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • S&P 500

    4.023,89
    +93,81 (+2,39%)
     
  • HANG SENG

    19.950,21
    +51,44 (+0,26%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.683,94
    -19,48 (-0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8519
    +0,0028 (+0,33%)
     
  • EUR/CHF

    1,0467
    +0,0039 (+0,37%)
     
  • EUR/CAD

    1,3477
    +0,0038 (+0,28%)
     

Borsa Milano perde slancio, aumenta volatilità, bene utility, spunti selettivi

·3 minuto per la lettura
Una donna cammina davanti l'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - E' durato l'arco di una mattina il rimbalzo a Piazza Affari dopo il lunedì nero, causato dai timori legati alla variante Delta responsabile della crescita dei nuovi casi di coronavirus a livello globale.

L'indice FTSE Mib è scivolato nuovamente sotto quota 24.000 punti (-0,13%), che diventa una resistenza importante da varcare, in scia del ritracciamento del Dax tedesco. E rallentano anche gli altri mercati europei.

Le incertezze legate all'andamento della pandemia e ai possibili effetti sulla ripresa delle economie in corso stanno spingendo gli investitori alla cautela, ma fanno anche aumentare la volatilità sulle borse. Anche se, come evidenzia un trader, "con i tassi che restano così bassi sui titoli di stato non ci sono alternative all'azionario".

A Wall Street i futures su Dow Jones, S&P e Nasdaq indicano un avvio in recupero dopo il pesante ribasso di ieri.

Si stabilizza il Brent, poco sotto i 69 dollari al barile, sceso del 7% ieri a causa dei timori legati alla domanda di petrolio dopo l'accordo dell'Opec+ sull'incremento delle forniture della materia prima.

Sul fronte dei bond, lo spread del rendimento fra titoli di stato decennali italiani e tedeschi torna allargarsi sopra i 110 punti base.

Tra i titoli in evidenza:

Annullano il recupero le banche, particolarmente colpite dalla lettera ieri, in attesa anche della decisione della Bce sulla possibile revoca del limite imposto al pagamento dei dividendi delle banche e ai buyback delle azioni venerdì prossimo. Le big Unicredit e Intesa Sanpaolo si muovono cedenti. Scivola in negativo Bper (-0,8%), mentre Banco Bpm avanza dello 0,35%.

Rimbalza il comparto oil in scia della stabilizzazione del prezzo della materia prima: a parte Eni debole, fa decisamente meglio SAIPEM che avanza dell'1,7%. Volatile, invece Maire Tecnimont che annulla i guadagni e torna a scendere (-1%) dopo il tonfo registrato nella seduta di ieri di oltre il 7%. Sulle azioni della oil service, che ha un saldo positivo del 53% circa da inizio anno, stanno evidentemente pesando i realizzi in vista anche dei risultati del secondo trimestre attesi il prossimo 29 luglio. I broker stimano un trimestre in crescita sul fronte di ricavi e margini.

Bene Poste Italiane, in salita dello 0,7% circa, scivolata ieri ai minimi di fine marzo.

Rimbalzano le utility: bene Enel in crescita dello 0,6%, comprata anche Erg (+1,5%) sulle indiscrezioni stampa che danno il colosso dell'energia elettrica in pole position per rilevare gli asset idro e gas messi in vendita da Erg in Italia. A2A avanza di oltre l'1%.

Fra i minori, forte Covivio (+3,67%) dopo l'annuncio dell'acquisizione di un portafoglio residenziale a Berlino di circa 130 milioni di euro. Secondo il broker Bestinver, "il nuovo investimento rappresenta lo 0,8% del portafoglio totale di Covivio e il 3,1% di quello residenziale in Germania".

Effetto risultati su Piquadro che balza del 3% in scia del balzo dei ricavi del primo trimestre del 78,6%.

Italian Sea Group balza di oltre il 5% dopo che un grosso broker italiano ha oggi avviato la copertura sull'operatore globale nel segmento della fascia alta dell'industria nautica con la raccomandazione "Buy" e un prezzo obiettivo di 7,5 euro.

Infine debutta oggi all'Aim Advanced Logistics for Aerospace (A.L.A.) con un calo del 2% rispetto al prezzo di collocamento di 10 euro per azione.

(Giancarlo Navach, in redazione Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli