Italia Markets closed

Borsa Milano prosegue positiva, bene banche e oil, giù Italgas e Snam

·2 minuti per la lettura
Un dettaglio dell'ingresso della Borsa di Milano
Un dettaglio dell'ingresso della Borsa di Milano

MILANO, 6 ottobre (Reuters) - Piazza Affari prosegue in moderato rialzo in una seduta senza grandi scossoni con il mercato che attende sempre novità dal Congresso Usa sul nuovo pacchetto di stimoli economici.

"Si sale in attesa di Wall Street e senza grandi volumi", sintetizza un trader.

In deciso recupero il prezzo del petrolio, con il Brent che si porta a ridosso di 42 dollari al barile, grazie al sollievo per il ritorno alla Casa Bianca del presidente Usa Donald Trump dopo le cure in ospedale per l'infezione da Covid-19.

Sul fronte dello spread del rendimento fra titoli di stato decennali italiani e tedeschi, il differenziali si muove intorno ai 127 punti base.

Settore oil in netto recupero. Eni sale dell'1,2%, Saipem +1,5%, Tenaris +0,55%. "C'è un ritorno di interesse verso questo comparto a lungo trascurato", osserva un trader.

Positive anche le banche, guidate dal rimbalzo di Bper (+2,2%) dopo il crollo di ieri, primo giorno di aumento di capitale. Ancora in calo i relativi diritti (-8,5%). A questi prezzi e sulla base del concambio, è sempre più conveniente comprare i diritti rispetto al valore dell'azione sul mercato. Ben raccolte le big Intesa Sanpaolo (+1,2%) e Unicredit (+2,7%).

Realizzi su Nexi in flessione del 2,5% dopo il balzo di ieri a seguito dell'annuncio del Mou finalizzato al matrimonio con Sia, da tempo atteso dal mercato. Alcuni broker hanno rivisto i target di prezzo sul titolo: Citigroup l'ha portato a 20,25 euro da 17,5 euro precedente e Credit Suisse l'ha alzato a 17,40 da 15,90.

Strappa Cattolica con un balzo del 5,4%.

Bene l'automotive con Fiat Chrysler in salita dell'1,3% e Pirelli del 4,3%. Leonardo avanza del 2,84%.

Vendite sul settore regolato delle utility, con Italgas che cede il 3%, ma vanno giù anche Snam e Terna in calo di oltre l'1%.

Acquisti sul settore lusso, da Moncler (+0,64%) a Salvatore Ferragamo (+1%). Tod's balza dell'1,6%.

Spunti positivi per Diasorin, bene Atlantia.

Fra i minori balzo di oltre il 3% per Sabaf che ha annunciato i dati del terzo trimestre e ha alzato le attese per l'intero anno.

(Giancarlo Navach, in redazione a Roma Francesca Piscioneri)