Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.636,26
    +89,76 (+0,37%)
     
  • Dow Jones

    32.960,05
    +322,86 (+0,99%)
     
  • Nasdaq

    12.036,42
    +295,76 (+2,52%)
     
  • Nikkei 225

    26.781,68
    +176,84 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    114,49
    +0,40 (+0,35%)
     
  • BTC-EUR

    26.564,79
    -1.248,51 (-4,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    617,56
    -11,94 (-1,90%)
     
  • Oro

    1.855,80
    +1,90 (+0,10%)
     
  • EUR/USD

    1,0722
    -0,0012 (-0,11%)
     
  • S&P 500

    4.126,41
    +68,57 (+1,69%)
     
  • HANG SENG

    20.697,36
    +581,16 (+2,89%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.808,86
    +68,55 (+1,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8500
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0270
    -0,0017 (-0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,3661
    -0,0041 (-0,30%)
     

Borsa Usa, Nasdaq, S&P 500 in calo prima della decisione Fed

L'ingresso della Borsa di New York a Wall Street

(Reuters) - S&P 500 e Nasdaq in calo, appesantiti dai titoli growth, con le banche che invece guadagnano in vista della decisione di politica monetaria della Federal Reserve che dovrebbe comportare il maggiore aumento dei tassi di interesse dal 2000.

I titoli bancari, sensibili ai tassi, avanzano dello 0,8%, mentre le società a maggiore capitalizzazione come AMAZON.COM, TESLA e NVIDIA perdono quota e pesano sul Nasdaq.

Alle 17 circa il Dow Jones è in rialzo dello 0,09%​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​ a 33.158,48 punti, l'S&P 500 ​​​perde lo 0,35​​​%​​​​​​​​​ a 4.160,69 e il Nasdaq ​​​​​​cede l’1,27%​​​​​​​​ a 12.404,538.

I trader stanno incorporando nei prezzi le aspettative di un aumento dei tassi di 50 punti base e l'avvio del taglio del bilancio della Fed quando la banca centrale Usa farà il suo annuncio alle 20,00 italiane.

I riflettori saranno puntati sulla conferenza stampa del presidente Jerome Powell per capire quanto e come la banca centrale è pronta a spingersi nel tentativo di ridurre un'inflazione che non toccava questi picchi da decenni.

Tra gli altri, Advanced Micro Devices avanza del 2,3% dopo che il produttore di chip ha previsto ricavi superiori alle attese per l'intero anno e per il secondo trimestre grazie al boom dei data center.

Starbucks guadagna il 6% dopo che la catena di caffetterie ha visto una crescita organica delle vendite trimestrali del 12% in Nord America.

(Tradotto da Alice Schillaci, editing Claudia Cristoferi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli