Italia markets open in 4 hours 7 minutes
  • Dow Jones

    34.639,79
    +617,75 (+1,82%)
     
  • Nasdaq

    15.381,32
    +127,27 (+0,83%)
     
  • Nikkei 225

    27.754,03
    +0,66 (+0,00%)
     
  • EUR/USD

    1,1298
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • BTC-EUR

    49.939,96
    -289,63 (-0,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.434,53
    -4,35 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    23.540,53
    -248,40 (-1,04%)
     
  • S&P 500

    4.577,10
    +64,06 (+1,42%)
     

Breakingviews - Stellantis guadagna terreno contro Volkswagen

·2 minuto per la lettura
Il logo Stellantis presso la sede centrale a Auburn Hills, Michigan, Usa

di Lisa Jucca

MILANO (Reuters) - Stellantis sta guadagnando terreno su Volkswagen. Colpita dalla carenza globale di chip, la casa italo-francese ha registrato un calo delle vendite maggiore rispetto al colosso tedesco. Eppure i margini di Stellantis sembrano più sani. E il Ceo Carlos Tavares sta prendendosi cura della storica debolezza del gruppo nel campo dei veicoli elettrici.

La crisi dei chip ha cancellato circa un quarto delle consegne per entrambi i gruppi nel terzo trimestre. Per Stellantis questo si è tradotto in un calo dei ricavi su base annua del 14% a 32,6 miliardi. Per Volkswagen, che ha una consistente divisione servizi finanziari, la contrazione è stata appena del 4%.

Tuttavia, la profittabilità di Volkswagen sembra meno solida. L'utile operativo del gruppo è sceso a 2,8 miliardi di euro nel trimestre, al di sotto delle attese degli analisti, trascinando il margine al 4,9% dei ricavi dal 5,4% del trimestre precedente. Nonostante il Ceo Herbert Diess abbia rapidamente accennato a futuri tagli dei costi, la debole performance significa che le stime degli analisti di un margine Ebit del 7,5% per quest'anno, secondo le stime Refinitiv, appaiono ora ottimistiche. In Stellantis, Tavares prevede ancora un margine intorno al 10%.

Inoltre il Ceo sta finalmente misurandosi con la sfida dell'elettrificazione, dove storicamente Stellantis è indietro rispetto a rivali più "verdi" come Volkswagen. Il portoghese a luglio si era impegnato ad investire oltre 30 miliardi di euro entro il 2025 per lo sviluppo di nuovi veicoli a batteria e nuovi software. Entro il 2030 Tavares si aspetta che il 70% delle vendite di Stellantis in Europa e il 40% negli Usa arrivino da veicoli a basse emissioni, rispetto al 14% e 4% fatti segnare quest'anno.

All'inizio del prossimo anno, Tavares svelerà anche la sua nuova strategia per la Cina, altro tradizionale punto debole di Stellantis.

Gli investitori stanno dando credito a Tavares. Il titolo Stellantis ha guadagnato quasi il 50% quest'anno, contro il 30% di Volkswagen. Eppure con un rapporto di 4,8 volte gli utili futuri, il gruppo italo-francese tratta a uno sconto di circa il 25% rispetto al 6,4 di Volkswagen e ha multipli inferiori rispetto alla maggior parte dei rivali globali. Questo persistente gap di valutazione sembra sempre più difficile da giustificare.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Roma Stefano Bernabei, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli