Italia markets closed
  • Dow Jones

    28.363,66
    +152,84 (+0,54%)
     
  • Nasdaq

    11.506,01
    +21,31 (+0,19%)
     
  • Nikkei 225

    23.474,27
    -165,19 (-0,70%)
     
  • EUR/USD

    1,1825
    -0,0042 (-0,35%)
     
  • BTC-EUR

    11.110,68
    +1.781,27 (+19,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    264,63
    +8,53 (+3,33%)
     
  • HANG SENG

    24.786,13
    +31,71 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    3.453,49
    +17,93 (+0,52%)
     

Btp, seduta in forte calo su ritorno avversione rischio, spread a 170

Un trader al lavoro a Milano. REUTERS/Alessandro Garofalo
Un trader al lavoro a Milano. REUTERS/Alessandro Garofalo

MILANO (Reuters) - Chiusura in netto ribasso per il mercato obbligazionario italiano, in una seduta in cui riaffiorano segnali di pesante avversione al rischio, che hanno penalizzato l'azionario, le commodity e in generale il debito periferico della zona euro.

A innescare le vendite - dopo una partenza di seduta positiva - aiutata anche dai giudizi positivi espressi ieri da Moody's sulla situazione italiana - sono stati i rinnovati timori sul fronte greco e i dati non positivi dall'economia Usa su scorte, prezzi alla produzione e attività manifatturiera.

"Il movimento è stato molto forte, anche se in parte è rientrato nel finale; il tono di avversione al rischio generale si è fatto molto pesante" afferma lo strategist di Ing Alessandro Giansanti. "Temo che non si tratti del movimento di un giorno: c'è stata un'esplosione di volatilità e obiettivamente non c'è stato un vero e proprio innesco, un vero fatto negativo che giustifichi queste vendite; credo piuttosto si sia trattato di un qualche cambio di direzione dei portafogli".

Il tasso decennale greco è risalito in vista di quota 8%, toccando in seduta un massimo al 7,88%.

"Certo, in Grecia la situazione non è semplice, un decennale all'8% significa che il mercato obbligazionario è di nuovo chiuso per il paese, cioè quindi che si dovrà tornare a parlare con la Troika e forse pensare ad un nuovo bail out", aggiunge Giansanti.

CORRE BUND, SPREAD A MASSIMI DA DUE MESI

Su piattaforma Tradeweb, nel pomeriggio - complice un Bund decennale il cui rendimento è sceso fino al nuovo minimo storico dello 0,72%, con la flessione intraday più ampia dall'agosto 2012 - lo spread Italia-Germania sale fino a 173 punti base, ai massimi da 2 mesi, con un allargamento che arriva a superare i 20 punti base. Lo spread ha terminato la seduta in area 165 pb contro i 147 dell'ultima chiusura.

Il tasso decennale italiano, partito stamane sotto il 2,30% ovvero in prossimità dei minimi storici di inizio settembre, ha toccato nel primo pomeriggio un massimo intraday al 2,45% (ai massimi da circa un mese).

"Il tratto di curva che ha sofferto di più oggi è stato quello tra gli 8 e i 10 anni", commenta un trader milanese. "Temo che ormai i minimi di spread si siano visti, difficilmente si tornerà giù, d'altra parte sono diverse settimane che il mercato italiano si muove lateralmente e stenta a fare nuovi minimi".

Intanto, per quel che riguarda il primario, gli operatori si preparano per domani ad una seduta densa. Oltre alle aste a medio lungo francesi e spagnole (fino a 12,5 miliardi di carta in offerta, indicizzati compresi), si terrà anche l'operazione di concambio annunciata ieri dal Tesoro italiano, la quarta di questo 2014.

In offerta andranno fino a 2 miliardi del Btp novembre 2023, cedola 9%, lanciato nel 1993, a fronte del riacquisto di Btp e Ccteu in scadenza nel 2015 e nel 2017.

Su Mts, in chiusura di seduta il Btp in offerta domani scambia al prezzo di 156,71, per un rendimento del 2,088%.