Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • Dow Jones

    40.478,01
    +62,57 (+0,15%)
     
  • Nasdaq

    18.035,62
    +28,06 (+0,16%)
     
  • Nikkei 225

    39.594,39
    -4,61 (-0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,0857
    -0,0037 (-0,34%)
     
  • Bitcoin EUR

    60.703,30
    -1.406,61 (-2,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.358,26
    -27,00 (-1,95%)
     
  • HANG SENG

    17.469,36
    -166,52 (-0,94%)
     
  • S&P 500

    5.570,04
    +5,63 (+0,10%)
     

Comune Roma vuole porre fine a penuria taxi - sindaco Gualtieri

Persone in coda per un taxi alla stazione centrale Termini a Roma

di Crispian Balmer

ROMA (Reuters) - Dopo 18 anni d'attesa, Roma sta finalmente per ricevere migliaia di nuovi taxi, nel tentativo di porre fine alla penuria di tassisti che regolarmente porta sia i turisti sia i residenti a rimanere bloccati nelle strade assolate.

Lo ha detto il sindaco di Roma Roberto Gualtieri a Reuters.

Roma e altre città italiane hanno un numero di taxi ampiamente inferiore a quello di molte altre città europee, dati gli sforzi della lobby dei tassisti contro i tentativi di aumentare il numero di vetture o di accogliere l'arrivo di concorrenti di ride-hailing come Uber.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Tuttavia, il sindaco Gualtieri ha detto a Reuters che il mese prossimo il suo ufficio dovrebbe indire gare d'appalto per 1.000 nuove licenze di taxi e 2.000 nuovi permessi di Uber, che dovrebbero essere attivi entro dicembre, quando inizierà il Giubileo.

Il Vaticano ha previsto che l'anno prossimo più di 30 milioni di pellegrini visiteranno la capitale, minacciando di sovraccaricare servizi già in difficoltà.

"Siamo stati paralizzati dalla burocrazia, ma finalmente le cose si stanno muovendo. La situazione dovrebbe migliorare entro novembre", ha detto Gualtieri.

Attualmente, Roma dispone di appena 7.800 taxi e dal 2006 non vengono rilasciate nuove licenze. Sono poi disponibili altre 1.000 auto private executive a noleggio, che fungono anche da veicoli Uber di fascia alta.

Londra ha circa 19.000 taxi e 96.000 veicoli a noleggio privato, secondo i dati del 2020, mentre Parigi ha 18.500 taxi e almeno 30.000 licenze per veicoli privati.

La piattaforme social sono regolarmente invase da storie dell'orrore di persone lasciate in coda per un'ora o anche di più alla stazione ferroviaria principale di Roma, mentre le app per i taxi nelle ore di punta faticano a trovare i taxi e le chiamate ai numeri di assistenza vengono lasciate in un loop interminabile.

Le cooperative di tassisti affermano che il vero problema è che il sistema di trasporto pubblico di Roma è discontinuo, e quindi sono loro a dover colmare le lacune. Inoltre, sostengono che al di fuori dell'alta stagione turistica non ci sarebbe abbastanza lavoro se il Comune rilasciasse più licenze.

Gualtieri ha detto che il suo ufficio procederà con le nuove licenze nonostante le proteste dei tassisti. "Non possiamo aspettare oltre", ha detto.

Secondo la legge italiana, l'80% del ricavato della vendita delle licenze deve essere consegnato ai tassisti esistenti come forma di compensazione perché il valore delle loro licenze, che possono vendere, potrebbe diminuire con l'arrivo di nuovi tassisti.

Le nuove licenze dovrebbero essere vendute a circa 70.000 euro ciascuna, secondo le previsioni dei funzionari.

Tuttavia, Eugenio Patanè, assessore alla mobilità del Comune di Roma, ha affermato che un maggior numero di taxi sulle strade non risolverebbe tutti i problemi del settore.

"Abbiamo bisogno di una revisione completa a livello nazionale delle leggi sui taxi. Quella attuale è stata introdotta nel 1992, in un'epoca diversa, prima che ci fossero gli smartphone o le app", ha detto.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Gianluca Semeraro)