Italia markets close in 4 minutes
  • FTSE MIB

    24.483,83
    -234,98 (-0,95%)
     
  • Dow Jones

    34.088,66
    -258,37 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    11.142,68
    -83,68 (-0,75%)
     
  • Nikkei 225

    28.162,83
    -120,20 (-0,42%)
     
  • Petrolio

    75,80
    -0,48 (-0,63%)
     
  • BTC-EUR

    15.471,75
    -598,22 (-3,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    375,90
    -4,39 (-1,16%)
     
  • Oro

    1.741,50
    -12,50 (-0,71%)
     
  • EUR/USD

    1,0386
    -0,0018 (-0,18%)
     
  • S&P 500

    3.992,01
    -34,11 (-0,85%)
     
  • HANG SENG

    17.297,94
    -275,64 (-1,57%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.941,17
    -21,24 (-0,54%)
     
  • EUR/GBP

    0,8634
    +0,0039 (+0,45%)
     
  • EUR/CHF

    0,9826
    -0,0011 (-0,11%)
     
  • EUR/CAD

    1,3961
    +0,0055 (+0,40%)
     

Covid e guerra in Ucraina sono costati a Germania 420 mld - studio

Un bandiera tedesca riflessa su una finestra di un edificio a Berlino, in Germania

BERLINO (Reuters) - La pandemia da coronavirus e la guerra in Ucraina sono costate complessivamente all'economia tedesca 420 miliardi di euro in termini di mancata creazione di valore tra il 2020 e il 2022, secondo uno studio visto da Reuters.

L'elevata spesa pubblica ha contrastato questo fenomeno, ma i consumi privati hanno subito perdite per circa 400 miliardi di euro a causa delle chiusure e delle perdite di potere d'acquisto legate all'inflazione, secondo l'Istituto economico tedesco (Iw), che ha condotto lo studio.

"Nei tre anni di crisi non si sono realizzati investimenti per 125 miliardi di euro, il che pesa in modo permanente sulla prosperità", si legge nello studio di Iw.

Il governo tedesco e gli economisti sono concordi nel ritenere che la più grande economia europea si stia avviando verso la recessione quest'inverno.

L'esecutivo prevede attualmente un calo dello 0,4% nel 2023, mentre l'Associazione delle Camere dell'Industria e del Commercio tedesche (Dihk) ha detto che le aziende prevedono una contrazione dell'economia di circa il 3% il prossimo anno.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Francesca Piscioneri)