Italia markets open in 5 hours 23 minutes
  • Dow Jones

    30.046,24
    +454,97 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    12.036,79
    +156,15 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    26.601,18
    +435,59 (+1,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1906
    +0,0010 (+0,08%)
     
  • BTC-EUR

    15.910,25
    -116,72 (-0,73%)
     
  • CMC Crypto 200

    375,52
    +5,77 (+1,56%)
     
  • HANG SENG

    26.936,83
    +348,63 (+1,31%)
     
  • S&P 500

    3.635,41
    +57,82 (+1,62%)
     

Covid, scoperto un gene "misterioso" nascosto nel virus

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
Covid, scoperto un gene "misterioso" nascosto nel virus
Covid, scoperto un gene "misterioso" nascosto nel virus

Un team di ricerca internazionale, guidato da scienziati dell'American Museum of Natural History, ha individuato un gene nascosto all'interno del codice genetico del coronavirus SARS-CoV-2. Secondo gli studiosi, tale gene potrebbe aver favorito la capacità pandemica del patogeno emerso in Cina, influenzando l'esito clinico dell'infezione (chiamata COVID-19).

Nello specifico, si tratta di un gene sovrapposto (overlapping gene), la cui sequenza nucleotidica (le “lettere” di cui si compone) si annida tra quelle di altri geni. La scoperta è importante perché apparentemente il SARS-CoV-2 ha solo 15 geni in totale, ma ne esistono altri sovrapposti o nascosti all’interno.

VIDEO - Coronavirus, gli effetti a lungo termine

“La sovrapposizione dei geni può essere una delle armi evolute nei coronavirus per replicarsi in modo efficiente, contrastare l'immunità dell'ospite o farsi trasmettere - ha spiegato l’autore principale dello studio, Chase W Nelson - Sapere che esistono geni sovrapposti e come funzionano può rivelare nuove strade per il controllo del coronavirus, ad esempio attraverso farmaci antivirali”.

Il gene è stato chiamato ORF3d ed è stato scoperto dopo aver sequenziato il genoma del coronavirus attraverso uno specifico software, sviluppato dallo stesso Nelson. Il suo potenziale è quello di andare a codificare una proteina che poi suscita una risposta immunitaria molto forte nei pazienti che hanno contratto la malattia ormai nota, il COVID-19. “Non sappiamo ancora la sua funzione o se c’è un significato clinico. Sono quindi forse più inclini a inganni genomici rispetto ad altri virus a RNA”, avverte Nelson.

I dettagli della ricerca “Dynamically evolving novel overlapping gene as a factor in the SARS-CoV-2 pandemic” sono stati pubblicati sulla rivista scientifica eLIFE.

GUARDA ANCHE - Virus, buone notizie: il vaccino è efficace