Italia markets close in 17 minutes
  • FTSE MIB

    20.852,13
    -109,25 (-0,52%)
     
  • Dow Jones

    29.433,51
    +298,52 (+1,02%)
     
  • Nasdaq

    10.916,89
    +87,39 (+0,81%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • Petrolio

    81,12
    +2,62 (+3,34%)
     
  • BTC-EUR

    20.142,00
    -1.000,53 (-4,73%)
     
  • CMC Crypto 200

    443,02
    +14,23 (+3,32%)
     
  • Oro

    1.660,90
    +24,70 (+1,51%)
     
  • EUR/USD

    0,9637
    +0,0039 (+0,40%)
     
  • S&P 500

    3.684,63
    +37,34 (+1,02%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.330,55
    +1,90 (+0,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,8957
    +0,0018 (+0,20%)
     
  • EUR/CHF

    0,9448
    -0,0066 (-0,70%)
     
  • EUR/CAD

    1,3187
    +0,0017 (+0,13%)
     

Credit Suisse valuta di dividere in tre la banca d'investimento - FT

Logo di Credit Suisse a Zurigo

(Reuters) - Credit Suisse ha elaborato un piano per dividere in tre la propria banca d'investimento, mentre l'istituto di credito svizzero cerca di porre fine a tre anni di scandali.

È quanto emerge da un report del Financial Times.

Secondo le proposte presentate al consiglio di amministrazione, la banca sta cercando di vendere le proprie unità redditizie, come i titoli cartolarizzati, per evitare un dannoso aumento di capitale, si legge su FT, che cita fonti a conoscenza dei piani.

Credit Suisse, contattata da Reuters, non ha commentato la notizia.

Le proposte potrebbero vedere la banca d'investimento divisa in tre parti: l'attività di consulenza del gruppo, che potrebbe essere scorporata in un secondo momento, una "bad bank" per le attività ad alto rischio che saranno liquidate, e il resto dell'attività.

"Abbiamo detto che daremo aggiornamenti sui progressi della nostra revisione strategica globale quando annunceremo gli utili del terzo trimestre", ha detto Credit Suisse. "Sarebbe prematuro commentare qualsiasi possibile risultato prima di allora", ha aggiunto.

Il presidente Axel Lehmann aveva nominato Ulrich Körner come Ceo in estate con il compito di operare una riorganizzazione radicale della banca, che negli ultimi anni è stata colpita da uno scandalo di spionaggio aziendale, dalla chiusura di fondi di investimento, da una perdita commerciale record e da una serie di cause legali.

All'inizio del mese Reuters ha riferito che Credit Suisse, la seconda banca svizzera per importanza, stava cercando di tagliare circa 5.000 posti di lavoro, quasi una posizione su 10, nell'ambito di un'operazione di riduzione dei costi.

A maggio, Reuters aveva riportato che la banca stava iniziando a valutare le prime opzioni per rafforzare il proprio capitale dopo che una serie di perdite aveva eroso le sue riserve finanziarie.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Francesca Piscioneri)