Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.214,78
    +173,19 (+1,23%)
     
  • CMC Crypto 200

    332,92
    -4,58 (-1,36%)
     
  • Oro

    1.781,90
    -23,60 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1970
    +0,0057 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8984
    +0,0068 (+0,77%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5539
    +0,0038 (+0,24%)
     

Forex, dollaro sotto pressione, notizie vaccini non bastano a sostenere ottimismo

·1 minuto per la lettura
Banconote in dollari presso una banca di Westminster, Colorado
Banconote in dollari presso una banca di Westminster, Colorado

LONDRA (Reuters) - Il biglietto verde resta sotto pressione e ha brevemente toccato il minimo da oltre una settimana, mentre nuove restrizioni in Usa ed Europa per contenere la pandemia mettono alla prova l'ottimismo dei mercati sui vaccini.

Pfizer ha annunciato che i risultati della fase finale della sperimentazione mostrano un'efficacia del suo vaccino al 95%, una notizia che ha mosso poco il dollaro.

Ieri del resto il presidente della Fed Jerome Powell ha detto che ci vorrà molto tempo per la ripresa economica, e il dato sulle vendite al dettaglio relativo a ottobre ha mostrato un rallentamento della spesa.

Contro un paniere di valute, il biglietto verde perde lo 0,08%.

L'euro sale dello 0,04% contro il dollaro. La moneta unica sembra non risentire del veto annunciato da Ungheria e Polonia sul piano di ripresa Ue.

"Sembra probabile che a dicembre l'Ue accetti un compromesso sulla violazione dello stato di diritto in modo che entrambi i Paesi possano salvare la faccia e accettare il budget Ue e il fondo per la ripresa", commenta Antje Praefcke di Commerzbank. "E tutti vivranno felici e contenti. Per cui non c'è motivo di vendere l'euro".

La sterlina si avvicina al picco di inizio settembre contro il dollaro, sostenuta dalla notizia che i negoziatori britannici si aspettano un accordo sul commercio con l'Ue la prossima settimana.

Lo yen torna ai livelli del 9 novembre, recuperando buona parte delle perdite della scorsa settimana dopo l'annuncio di Pfizer sul vaccino.