Italia markets open in 8 hours 13 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    +396,48 (+3,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.663,50
    +697,49 (+2,41%)
     
  • EUR/USD

    1,2050
    -0,0038 (-0,31%)
     
  • BTC-EUR

    41.202,78
    +3.416,06 (+9,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,63
    +54,40 (+5,86%)
     
  • HANG SENG

    29.452,57
    +472,36 (+1,63%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

EUR/USD Termina il Ritracciamento e Scende a 1,2075

Alberto Ferrante
·2 minuto per la lettura

Il Cambio EUR/USD ha tentato un primo rialzo nella giornata di ieri, fino a portarsi nella prima mattinata a quota 1,2165, il valore più elevato da una settimana, per poi cedere nuovamente il passo ai venditori e ritornare intorno a quota 1,2110.

Stamattina, alle ore 8:20, il cambio EUR/USD si è ulteriormente contratto e adesso il Fiber è giunto a quota 1,2074.

Quanto all’indice del dollaro statunitense, il valore aggiornato a stamattina riporta 90,75 punti, in rialzo rispetto alla seduta precedente.

Il cambio EUR/USD, che al netto del tentativo di ieri era rimasto a lungo tra quota 1,2110 e 1,2150, ha quindi effettivamente portato a termine il suo ritracciamento previsto da quota 1,2151 a 1,2100, infrangendo persino questa soglia di supporto.

Adesso, il cross potrebbe essere diretto verso quota 1,2050 o persino 1,20 e a questo punto il vero ostacolo alla caduta del prezzo è rappresentato dalla fascia di supporto a 1,2019.

La media mobile semplice a 50 giorni indica invece il valore di 1,2157, che potrebbe rappresentare una nuova resistenza in caso di eventuale nuovo rialzo dell’euro, se il prezzo non dovesse continuare a contrarsi in queste ore.

In caso contrario, in assenza di un rimbalzo nelle prossime ore, la prima soglia di resistenza sarà quella a 1,21.

Ultimi dati BCE e principali appuntamenti della settimana per il cross EUR/USD

Nell’ultima settimana, la BCE ha dichiarato di aver effettuato acquisti per 17,13 miliardi di euro nell’ambito del programma Pepp (Pandemic Emergency Purchase Programme), superando di gran lunga il valore della settimana precedente, pari a circa 13,52 miliardi.

Nella giornata di oggi, si attendono i verbali della BCE e, dagli USA, giungeranno le richieste di sussidi di disoccupazione, mentre venerdì la settimana volgerà al termine con gli indici PMI manifatturieri dell’Eurozona.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: