Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,55 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,38 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,27 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,98
    +727,65 (+2,62%)
     
  • Petrolio

    91,88
    -2,46 (-2,61%)
     
  • BTC-EUR

    23.956,41
    -300,05 (-1,24%)
     
  • CMC Crypto 200

    574,64
    +3,36 (+0,59%)
     
  • Oro

    1.818,90
    +11,70 (+0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0257
    -0,0068 (-0,66%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.175,62
    +93,19 (+0,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.776,81
    +19,76 (+0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8457
    -0,0001 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9656
    -0,0058 (-0,60%)
     
  • EUR/CAD

    1,3100
    -0,0071 (-0,54%)
     

Euro Dollaro (EUR/USD), Previsioni: Ancora Debolezza, il Trend Bearish Proseguirà?

Il cambio euro dollaro nel corso dell’ultima settimana ha raggiunto nuovi minimi relativi infrangendo persino il supporto di 1,02 e portandosi pericolosamente vicino ai minimi del 2002 sotto il livello di 1.0.

Tuttavia, dopo aver superato persino il supporto di 1,10, il cambio euro dollaro ha tentato di riprendere quota, chiudendo la settimana solo in lieve rialzo rispetto ai minimi di giovedì.

Adesso, il cambio euro dollaro (EUR/USD) potrà tentare di recuperare quantomeno la resistenza di 1,02 per evitare il collasso sotto 1.0. In linea generale, però, il contesto macro resta molto sfavorevole per l’Eurozona, con il conflitto in Ucraina e l’inflazione imperversante.

Intanto, oggi al momento della scrittura, il Fiber è nuovamente in calo, del -0,37%, a quota 1,01432, mentre l’indice del dollaro USA resta sui massimi relativi a 107,35 punti.

Previsioni sul cambio euro dollaro

Il cambio euro dollaro viene scambiato ancora in fase ribassista in questa apertura settimanale e potrebbe indugiare prima di raggiungere il livello di 1,02.

In caso di superamento di questo valore, i livelli tecnici successivi andrebbero identificati a quota 1,0230 e 1,0250. Per ridurre i rischi di nuovi crolli sotto 1.0, sarebbe però fondamentale un ritorno sopra 1.03.

Per recuperare integralmente le perdite dell’ultima settimana, sarebbe invece necessario un rialzo ancor più ampio, verso l’area di 1,04/1,0430. Si ritiene che un allungo di questa portata per il cambio EUR/USD non sia da escludere a priori, ma nel breve termine il contesto macro appare tutt’altro che favorevole.

Guardando invece allo scenario ribassista, il target principale resta ancora quello di 1.0, ma alcuni supporti intermedi a quota 1,0150, 1,01 e 1,005 potrebbero contrastare contenere il crollo bearish.

Il calendario economico di oggi

Oggi pochi dati di rilievo per il cambio euro dollaro, con le vendite al dettaglio italiane e, nella serata, il discorso di Williams della Federal Reserve.

Già da domani, invece, si conosceranno tanti altri dati impattanti sul Fiber, come l’indice ZEW sul sentiment dell’Eurozona.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli