Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.095,00
    +29,95 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,77 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,19 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    110,35
    +0,46 (+0,42%)
     
  • BTC-EUR

    27.707,76
    -163,54 (-0,59%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,34
    -23,03 (-3,42%)
     
  • Oro

    1.845,10
    +3,90 (+0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0562
    -0,0026 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,56 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.657,03
    +16,48 (+0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8442
    -0,0039 (-0,46%)
     
  • EUR/CHF

    1,0288
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,3556
    -0,0013 (-0,09%)
     

Europa usi politica bilancio e non monetaria per far fronte a guerra Ucraina - Fmi

·2 minuto per la lettura
Il logo del Fondo Monetario Internazionale a Washington

BRUXELLES (Reuters) - I governi europei dovrebbero affrontare le conseguenze economiche della guerra in Ucraina tramite le politiche di bilancio, per consentire una normalizzazione della politica monetaria e far così fronte a un'inflazione elevata.

E' quanto ha detto il Fondo Monetario Internazionale.

Nel suo quadro sull'economia europea, l'Fmi ha detto che una guerra prolungata in Ucraina aumenterebbe il numero di rifugiati che fuggono in Europa, aggraverebbe i colli di bottiglia delle catene di fornitura, aggiungerebbe ulteriori pressioni sull'inflazione e aggraverebbe la situazione in termini di produzione.

Il rischio maggiore, ha detto il Fondo, è che la Russia smetta improvvisamente di fornire petrolio e gas all'Europa, portando a significative perdite di produzione soprattutto nell'Europa centrale e orientale.

Secondo il rapporto, per l'intera Unione Europea il blocco totale delle importazioni di petrolio e gas russo potrebbe significare una perdita del 3% del Pil nel 2023, con un impatto diverso a seconda del grado di dipendenza dalle importazioni russe.

"La politica fiscale è più adatta della politica monetaria per affrontare i nuovi shock", si legge nel rapporto dell'Fmi.

L'inflazione nei 19 Paesi che condividono l'euro ha raggiunto il livello record del 7,4% su base annua a marzo soprattutto a causa dell'impennata dei prezzi del petrolio e del gas. Il target della Banca centrale europea per i prezzi al consumo è del 2% e Francoforte ha segnalato di essere orientata a irrigidire la politica monetaria a luglio.

"Con l'inflazione decisamente al di sopra del target, la politica monetaria dovrebbe mantenere la rotta verso la normalizzazione", ha detto l'Fmi.

"Il ritmo del ritiro dello stimolo monetario dovrebbe variare a seconda delle circostanze economiche. È importante che i responsabili delle politiche monetarie prevengano spirali nei salari e nei prezzi", ha detto l'Fmi.

L'Fmi ha previsto all'inizio di questa settimana che, a causa dell'invasione russa dell'Ucraina, la crescita economica del blocco sarà del 2,8% nel 2022, 1,1 punti percentuali in meno rispetto alle previsioni di gennaio.

La crescita della zona euro rallenterà ulteriormente al 2,3% il prossimo anno, sempre secondo il Fondo, 0,2 punti in meno rispetto alle previsioni di gennaio.

(Tradotto da Alice Schillaci, editing Sara Rossi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli