Italia Markets closed

Facebook Libra testnet, 51mila transazioni, 34 progetti implementati

Fabio Carbone

Durante il fine settimana la The Libra Association fondata da Facebook per gestire lo sviluppo della sua moneta digitale Libra, ha reso noto di aver effettuato i primi test del sistema sulla Libra testnet.

Libra network è quindi attiva sulla testnet ed è accessibile da parte di tutti quegli sviluppatori che possono essere interessati nello sviluppo di applicazioni e/o al miglioramento del sistema. Le transazioni effettuate dal 17 settembre scorso (giorno in cui la testnet ha subito un “reset”) fino al 15 novembre sono state 51mila.

Per quanto riguarda i progetti sperimentali presenti sulla Libra network sono 34, caricati nelle ultime sette settimane dal lancio della testnet. Tra le applicazioni in fase di test troviamo:

  • 10 wallet;
  • 11 blockchain explorers;
  • 2 IDE;
  • 1 API;
  • 11 client.

Gli altri obiettivi raggiunti da Facebook Libra

I partecipanti alla community sono invitati a dare forma alla roadmap tecnica, dice l’Associazione Libra nel comunicato, per realizzare insieme un piano dettagliato del progetto.

Procedono i lavori per semplificare l’uso di Libra da parte dei progettisti, in modo tale che gli sviluppatori possano concentrarsi sulla costruzione e integrazione delle proprie applicazioni. Per farlo Libra si sta integrando con le realtà dedicate agli sviluppatori già esistenti, tra cui GitHub e con un CLA process per facilitare i coder.

Un’area del sito web libra.org è dedicata alla documentazione tecnica, attraverso cui The Libra Association punta a favorire la comprensione dei meccanismi di funzionamento del suo ecosistema.

E non da ultimo, il programma di incentivazione degli sviluppatori che scovano i bug. Quindi Libra lancerà un programma di Bug Bounty economicamente incentivato.

Libra Core Summit

Di recente l’Associazione si è riunita nel Libra Core Summit a cui hanno preso parte i tecnici che stanno sviluppando il sistema.

Questo tipo di summit e quelli futuri, saranno specificamente pensati e riservati agli sviluppatori. Infatti, ci saranno altri eventi per incontrare gli sviluppatori e coinvolgerli così nel progetto. Tali meeting, scrive Libra, serviranno per discutere di problemi, sfide, opportunità di sviluppo.

La Libra pre-mainnet

Libra informa anche che questa fase di pre-mainnet, coinvolge 7 deployed node e 6 in-process node, ed anche 8 in-process node senza team tecnico.

Gli ultimi 8 nodi sono operati da società che hanno aderito all’associazione, ma sono sprovvisti di un team tecnico per gestire il nodo. Per questi Libra studia una soluzione che non sarà pronta prima del 2020, cioè quando Libra Core sarà pronto.

L’obiettivo è raggiungere i 100 nodi sulla mainnet, e la natura dei nodi sarà un mix tra nodi locali e nodi ospitati in infrastrutture cloud.

Novità annunciate per il 26 novembre

Il 26 novembre Libra renderà pubblico un nuovo procedimento per la Contributor License Agreements (CLA), rivolta agli sviluppatori. Questo permetterà ai coder di sottoscrivere la CLA prima di inviare il codice al Libra project presente su GitHub.

Libra in questa fase si rivolge molto agli addetti ai lavori, agli sviluppatori, per attrarre figure professionali che gratuitamente (o quasi) li aiutino a realizzare il loro progetto.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: