Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.950,74
    -149,88 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    33.926,01
    -127,93 (-0,38%)
     
  • Nasdaq

    12.006,96
    -193,86 (-1,59%)
     
  • Nikkei 225

    27.509,46
    +107,41 (+0,39%)
     
  • Petrolio

    73,23
    -2,65 (-3,49%)
     
  • BTC-EUR

    21.602,00
    -124,51 (-0,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    535,42
    -1,43 (-0,27%)
     
  • Oro

    1.865,90
    -50,40 (-2,63%)
     
  • EUR/USD

    1,0798
    -0,0113 (-1,04%)
     
  • S&P 500

    4.136,48
    -43,28 (-1,04%)
     
  • HANG SENG

    21.660,47
    -297,89 (-1,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.257,98
    +16,86 (+0,40%)
     
  • EUR/GBP

    0,8950
    +0,0034 (+0,38%)
     
  • EUR/CHF

    0,9993
    +0,0030 (+0,30%)
     
  • EUR/CAD

    1,4467
    -0,0055 (-0,38%)
     

Forex, dollaro scivola, mercato soppesa quadro economico

Banconote in dollari degli Stati Uniti d'America al Museo della Finanza americana di New York

(Reuters) - Il dollaro passa in ribasso con gli investitori che continuano a soppesare il quadro economico.

Il biglietto verde è sceso nelle ultime settimane sulle aspettative secondo cui la Federal Reserve potrebbe presto sospendere il suo ciclo di rialzi dei tassi d'interesse, mentre l'euro è salito grazie a segnali che indicano che il rallentamento economico dell'Europa potrebbe essere meno grave di quanto temuto in precedenza.

Tuttavia negli ultimi giorni, dati positivi sull'occupazione, sui servizi e sull'industria statunitensi hanno messo in discussione l'idea di un rallentamento nell'irrigidimento della Fed, complicando le prospettive per la valuta Usa.

L'euro, dopo aver faticato a trovare una direzione, intorno alle 15,30 italiane sale dello 0,6% a 1,0532 dlr.

Alla stessa ora, il dollaro perde decisamente terreno anche contro yen e sterlina.

Gli uffici studi di JPMorgan Chase & Co, Bank of America e Goldman Sachs hanno fatto sapere che si stanno preparando a un peggioramento dell'economia il prossimo anno, con inflazione e alti tassi di interesse che continuano a penalizzare la domanda dei consumatori.

Alcuni investitori ritengono che i timori per la congiuntura globale spingeranno verso l'alto il dollaro grazie alla percezione di sicurezza della valuta. Altri pensano che il declino del biglietto verde - il cui indice è sceso di circa l'8% da settembre - continuerà con il raffreddamento graduale dell'inflazione.

Rispetto a un paniere dei principali peer, la divisa Usa cede lo 0,5% intorno appena sotto quota 105, ma resta in rialzo di circa il 10% su base annua.

(Versione italiana Valentina Consiglio, editing Francesca Piscioneri)