Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.363,02
    -153,44 (-0,60%)
     
  • Dow Jones

    34.935,47
    -149,06 (-0,42%)
     
  • Nasdaq

    14.672,68
    -105,59 (-0,71%)
     
  • Nikkei 225

    27.283,59
    -498,83 (-1,80%)
     
  • Petrolio

    73,81
    +0,19 (+0,26%)
     
  • BTC-EUR

    34.880,14
    +1.147,60 (+3,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    955,03
    +5,13 (+0,54%)
     
  • Oro

    1.816,90
    -18,90 (-1,03%)
     
  • EUR/USD

    1,1871
    -0,0025 (-0,21%)
     
  • S&P 500

    4.395,26
    -23,89 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    25.961,03
    -354,29 (-1,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.089,30
    -27,47 (-0,67%)
     
  • EUR/GBP

    0,8538
    +0,0022 (+0,26%)
     
  • EUR/CHF

    1,0743
    -0,0023 (-0,22%)
     
  • EUR/CAD

    1,4801
    +0,0011 (+0,08%)
     

Global Tax, il tedesco Scholz pressa: "Anche chi è contrario dovrà adeguarsi"

·2 minuto per la lettura
06 July 2021, Bavaria, Munich: Olaf Scholz, SPD candidate for chancellor and German finance minister, stands in the so-called
06 July 2021, Bavaria, Munich: Olaf Scholz, SPD candidate for chancellor and German finance minister, stands in the so-called

“Sono molto fiducioso che saremo in grado di concordare questo importante obiettivo al G20 di Venezia. In questo modo taglieremo le gambe all’insana corsa al ribasso sulle tasse e garantiremo alle nostre comunità una base finanziaria”. Lo afferma il ministro delle Finanze tedesco, Olaf Scholz, in un’intervista a La Repubblica.

“L’accordo - continua Scholz - prevede due pilastri. Il primo è che le grandi aziende attive a livello globale non possano più evitare di pagare le tasse spostando i loro profitti nei paradisi fiscali. La tassazione sarà resa più equa e ridistribuita in modo nuovo tra tutti. In secondo luogo, c’è la questione della tassazione minima al 15%, che dovrà essere applicata in tutto il mondo”.

Quanto all’opposizione manifestata da Paesi come Irlanda, Ungheria ed Estonia, “l’accordo è appena stato raggiunto tra 131 paesi dell’Ocse. Anche quei pochi Stati che non hanno ancora aderito non potranno sottrarsi a lungo - afferma il ministro - a questa travolgente dinamica. Sono anni che mi batto per questo risultato. È un passo storico e senza precedenti verso una maggiore giustizia fiscale globale. Ed è un forte segnale per il multilateralismo e la cooperazione globale, che rafforza la fiducia nei nostri sistemi fiscali”.

Chi riguarderà questa tassa? solo Amazon, Google e le Big Tech americane o anche le grandi aziende europee? “Si applica - risponde Scholz - in linea di principio a tutte le multinazionali. In futuro, tutti i profitti realizzati da un’azienda nel mondo saranno tassati ad un’aliquota minima del 15%, indipendentemente da dove sono generati”.

Riguardo all’Europa, il vicecancelliere frena, però, sulla riforma del Patto di Stabilità. Durante la pandemia i criteri di Maastricht “hanno dimostrato di avere tutta la flessibilità necessaria”. Quanto al Recovery Plan italiano, esprime “piena fiducia” nel nostro Paese e condivide “la valutazione positiva della Commissione Ue sulle riforme e gli investimenti previsti”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli