Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.677,21
    -42,22 (-0,12%)
     
  • Nasdaq

    15.738,27
    +51,36 (+0,33%)
     
  • Nikkei 225

    28.860,62
    +405,02 (+1,42%)
     
  • EUR/USD

    1,1352
    +0,0079 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    44.542,62
    -767,48 (-1,69%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.317,08
    +11,96 (+0,92%)
     
  • HANG SENG

    23.996,87
    +13,21 (+0,06%)
     
  • S&P 500

    4.690,54
    +3,79 (+0,08%)
     

Il Cambio Euro Dollaro Estende le Perdite e Vede 1,13 più Vicino

·2 minuto per la lettura

Il prezzo dell’euro dollaro sembra decisamente proiettato verso il target ipotizzato dallo studio delle Onde di Elliott soprattutto grazie al ruolo dell’inflazione, il principale punto di riferimento del mercato attuale, ma ciò non significa che il dato metterà per tanto tempo sotto pressione il fiber nemmeno durante l’attuale estensione ribassista dove la quotazione ha toccato un nuovo minimo di 16 mesi.

Nella giornata di oggi sono stati pubblicati il PIL dell’Eurozona sia su base trimestrale (2,2% rispetto al precedente 2,1%) che su base annuale (3,7%, stesso livello precedente) e i dati sull’occupazione sempre dell’area Euro che ha registrato una aumento rispetto al mese precedente, 2% vs 1,9%. Tuttavia, questi dati non hanno dato alcun impulso per un rialzo di breve termine sull’euro dollaro e gli economisti di Société Générale pensano che il fiber potrebbe toccare temporaneamente i 1,12 a breve.

Vendite al dettaglio USA sopra alle attese e l’euro dollaro punta i 1,13.

Volano le vendite al dettaglio negli Stati Uniti. Nel mese di ottobre si è registrato un deciso aumento su base mensile dell’1,7% dopo il modesto +0,8% del mese precedente. Il suddetto dato è ovviamente superiore alle attese degli analisti, i quali indicavano un +1,2%.

Invece, su base annua si è registrato un aumento delle vendite al dettaglio del 16,31%, superiore rispetto al precedente +14,26% del mese di settembre. Il dato invece che escludono le vendite al dettaglio delle auto, ha registrato un +1,7% dopo il +0,7% di settembre ed +1% previsto dagli analisti.

Detto questo, i dati macroeconomici statunitensi stanno dando linfa vitale al future del dollaro americano (DXY), oramai con lo sguardo rivolto verso la formazione di nuovi massimi dell’anno e il livello annuale a 96,254.

Analisi Tecno-Grafica e previsioni euro dollaro

Il fiber ha chiuso la giornata di ieri con una perdita dello 0,7% e chiudere al di sotto di 1,14 per la prima volta da luglio 2020. Questo è una chiara conferma della chiusura al di sotto di 1,15 della scorsa settimana.

Detto ciò, probabilmente il prezzo dell’euro dollaro può raggiungere in breve tempo il target dell’Onda 2 Primaria ribassista posto a 1,1291.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli