Italia markets closed
  • FTSE MIB

    17.943,11
    +70,83 (+0,40%)
     
  • Dow Jones

    26.501,60
    -157,51 (-0,59%)
     
  • Nasdaq

    10.911,59
    -274,00 (-2,45%)
     
  • Nikkei 225

    22.977,13
    -354,81 (-1,52%)
     
  • Petrolio

    35,72
    -0,45 (-1,24%)
     
  • BTC-EUR

    11.555,93
    -37,12 (-0,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    265,42
    +1,78 (+0,68%)
     
  • Oro

    1.878,80
    +10,80 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1650
    -0,0029 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.269,96
    -40,15 (-1,21%)
     
  • HANG SENG

    24.107,42
    -479,18 (-1,95%)
     
  • Euro Stoxx 50

    2.958,21
    -1,82 (-0,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,8992
    -0,0040 (-0,44%)
     
  • EUR/CHF

    1,0677
    -0,0008 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5510
    -0,0039 (-0,25%)
     

Il petrolio è cambiato poco prima del fine settimana

Vladimir Zernov
·2 minuti per la lettura

Video petrolio greggio 25.09.20.

Il petrolio rimane vicino al livello di $ 40 nonostante le preoccupazioni per i virus e il forte dollaro USA

Il petrolio continua a essere scambiato vicino al livello di $ 40 in mezzo al peggioramento della situazione con il coronavirus in Europa e il dollaro USA forte.

Nonostante i suddetti catalizzatori negativi, il petrolio non ha sviluppato alcun significativo slancio al ribasso. La recente diminuzione dei livelli delle scorte insieme all’aumento della domanda di benzina ha fornito un supporto significativo al petrolio che compensa i catalizzatori negativi, almeno per ora.

Inoltre, i commercianti non credono che i governi europei seguiranno l’esempio di Israele e imporranno dei secondi blocchi. Vi è un ampio consenso sul fatto che l’Europa non può permettersi di imporre severe restrizioni per la seconda volta consecutiva, quindi il mercato non ha prezzo in questo scenario.

È interessante notare che il petrolio ha ignorato la recente forza del dollaro USA. In genere, il dollaro forte è ribassista per le materie prime, ma il mercato è stato così entusiasta della domanda di benzina negli Stati Uniti che il petrolio è riuscito a rimanere vicino al livello di $ 40 nonostante la migliore settimana del dollaro in molti mesi.

I recenti rapporti economici degli Stati Uniti mostrano che l’economia potrebbe essere in rallentamento

Giovedì, gli Stati Uniti hanno riferito che le richieste di sussidio di disoccupazione iniziali sono aumentate da 866.000 a 870.000, mentre gli analisti si aspettavano che le richieste di sussidio di disoccupazione iniziali sarebbero scese a 840.000. Questo rapporto potrebbe essere il primo segno che la parte facile della ripresa del mercato del lavoro è terminata e l’economia fatica a fare un altro passo avanti.

Oggi, il rapporto sugli ordini di beni durevoli negli Stati Uniti ha indicato che gli ordini di beni durevoli sono aumentati dello 0,4% mese su mese ad agosto rispetto al consenso degli analisti dell’1,2%.

Gli ordini di beni durevoli mostrano il desiderio dei produttori di investire in attività che potrebbero rallentare dopo il forte rimbalzo iniziale.

Questi rapporti sono certamente scomodi per i tori del petrolio. Se i legislatori statunitensi non riusciranno a raggiungere il consenso sul prossimo pacchetto di aiutiper il coronavirus, la ripresa economica potrebbe rallentare e esercitare pressioni sulla domanda di petrolio.

Come ho notato sopra, i rialzisti del petrolio sono incoraggiati dal recente aumento della domanda di benzina negli Stati Uniti. Tuttavia, la recente tendenza al rialzo del consumo di benzina potrebbe trovarsi sotto pressione se l’attività economica dovesse bloccarsi.

A mio parere, i prossimi rapporti economici presentano qualche pericolo per i tori del petrolio poiché il petrolio potrebbe avere difficoltà a rimanere vicino al livello di $ 40 se emergessero ulteriori segni di rallentamento.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: