Italia markets open in 2 hours 28 minutes
  • Dow Jones

    30.046,24
    +454,97 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    12.036,79
    +156,15 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    26.326,15
    +160,56 (+0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,1908
    +0,0011 (+0,10%)
     
  • BTC-EUR

    15.738,72
    -288,25 (-1,80%)
     
  • CMC Crypto 200

    370,64
    +0,88 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.727,48
    +139,28 (+0,52%)
     
  • S&P 500

    3.635,41
    +57,82 (+1,62%)
     

Il petrolio guadagna terreno mentre la tempesta tropicale Zeta forza l’evacuazione delle piattaforme offshore

Vladimir Zernov
·2 minuto per la lettura

Video petrolio greggio 27.10.20.

Un’altra tempesta fornisce supporto ai prezzi del petrolio

Il petrolio sta rimbalzando dopo le vendite di ieri  quando la tempesta tropicale Zeta ha forzato l’evacuazione delle piattaforme di produzione offshore nel Golfo del Messico degli Stati Uniti.

Questa stagione degli uragani è molto intensa. L’ultimo EIA Weekly Petroleum Status Report ha indicato che gli arresti dovuti agli uragani hanno esercitato una pressione significativa sulla produzione di petrolio degli Stati Uniti e l’hanno portata a 9,9 milioni di barili al giorno (bpd).

Il supporto aggiuntivo della Tempesta Tropicale Zeta arriva in un momento in cui il mercato è preoccupato per l’impatto della seconda ondata di coronavirus.

L’ultimo rapporto Baker Hughes sul numero di impianti di estrazione ha mostrato che il numero di piattaforme petrolifere statunitensi ha continuato ad aumentare, il che porterà a un aumento dei livelli di produzione in futuro.

Tuttavia, l’interruzione della tempesta tropicale Zeta metterà pressione sulla produzione nazionale di petrolio e manterrà i livelli di produzione totale ben al di sotto dei recenti 11 milioni di barili al giorno nel breve termine.

BP afferma che la domanda di petrolio continua a riprendersi

BP ha recentemente riportato i risultati del terzo trimestre, battendo le stime degli analisti sugli utili e mancandole sui ricavi. Nei suoi commenti, la società ha dichiarato che è proseguita la graduale ripresa della domanda di petrolio, guidata dalla forte domanda dall’Asia. Ciò non sorprende dal momento che i paesi asiatici hanno avuto successo nel contenere il virus.

Tuttavia, il CEO dell’azienda ha affermato che la seconda ondata del virus ha colpito la domanda più duramente del previsto.

A questo punto, l’entità del colpo inferto alla domanda di petrolio dalla seconda ondata di coronavirus è una delle maggiori domande per i commercianti di petrolio.

Nonostante la difficile situazione sul fronte del virus, la maggior parte dei paesi ha evitato i blocchi completi che hanno esercitato una forte pressione sulla domanda di petrolio. Tuttavia, anche misure limitate di contenimento dei virus danneggiano aziende e consumatori indeboliti, quindi è difficile aspettarsi che durino a lungo.

Nel caso in cui i prossimi rapporti sulle scorte non mostrino un aumento drammatico dei livelli delle scorte, i prezzi del petrolio avranno la possibilità di rimbalzare poiché i commercianti potrebbero iniziare a scommettere che la seconda ondata del virus non arrecherebbe grossi danni alla domanda di petrolio.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: