Italia Markets open in 2 hrs 48 mins

Il primo "smart yacht" ha anche l’assistente virtuale

Per adesso è solo un prototipo ma non sarà per tutti. Adonis, il primo yacht presentato al Ces di Las Vegas, costerà 5 milioni di euro. Impossibile che possa passare inosservato con i suoi 23 metri di lunghezza, è stato ideato da Furrion, azienda specializzata nello sviluppo di tecnologie per la nautica, e prodotto dai turchi di Numarine.

Lusso in mare aperto

Lo yacht colpisce per le dimensioni, lusso e servizi. Spicca Angel, l’assistente vocale di bordo che riconosce i volti e si attiva con un comando simile a quello che si usa per Alexa o Siri. Basterà dire, infatti, “Hey Angel” per attivare l’intelligenza artificiale che resta in funzione anche in mare aperto, grazie ad una rete ad hoc.

Lo yacht colpisce per le dimensioni, lusso e servizi (YouTube)

Cosa può fare Angel

L’assistente vocale di bordo è in grado di fornire news, aggiornamenti sui social media, il meteo, può anche riprodurre musica in una stanza o lungo tutto lo yacht, gestisce i sistemi di climatizzazione e illuminazione e suggerisce dove andare a mangiare e cosa visitare una volta arrivati a destinazione. A proposito di cibo, per tenere la fame sotto controllo a bordo, la cucina interna offre un forno a induzione, un microonde e una cantina per i vini.

Le camere smart

Nelle camere da letto ci sono specchi smart, pannelli touchscreen che permettono di fare ricerche sul web a voce e offrono nel contempo una serie di dati relativi allo yacht: dalle mappe ai percorsi alla manutenzione. La chicca sul ponte superiore è un drone, utile per scattare immagini dell’ambiente circostante ma, anche e soprattutto, per gestire la sicurezza della struttura, tenendo sotto controllo tutte le telecamere a bordo.

Il prezzo

Adonis per ora è un solo un prototipo ma in futuro diventerà realtà solo per pochi fortunati che potranno permettersi di sborsare la bellezza di 5 milioni di euro.

Leggi anche:

Il bar automatizzato che ti segue ovunque vai

Perché Apple ha sostituito milioni di batterie nel 2018

Baciarsi su WhatsApp, ora è possibile