Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,55 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,38 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,27 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,98
    +727,65 (+2,62%)
     
  • Petrolio

    91,88
    -2,46 (-2,61%)
     
  • BTC-EUR

    23.955,76
    -336,90 (-1,39%)
     
  • CMC Crypto 200

    574,64
    +3,36 (+0,59%)
     
  • Oro

    1.818,90
    +11,70 (+0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0257
    -0,0068 (-0,66%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.175,62
    +93,19 (+0,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.776,81
    +19,76 (+0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8457
    -0,0001 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9656
    -0,0058 (-0,60%)
     
  • EUR/CAD

    1,3100
    -0,0071 (-0,54%)
     

Italia, aumento prezzi rallenta a luglio ma inflazione fondo a max da 1996-Istat

Una bandiera italiana sopra al palazzo del Quirinale a Roma

ROMA (Reuters) - A luglio l'inflazione sale meno delle attese, ma il rallentamento dei prezzi dei beni energetici non frena l'onda lunga delle tensioni inflazionistiche, che si stanno diffondendo agli altri comparti merceologici.

Secondo i dati provvisori diffusi oggi da Istat, nel mese in esame il Nic ha evidenziato rialzi dello 0,4% su mese e del 7,9% su anno, contro attese pari rispettivamente a +0,6% e +8,1%.

A giugno l'indice aveva segnato un +1,2% a livello mensile e un incremento annuo pari all'8,0%.

L'inflazione "di fondo", al netto degli energetici e degli alimentari freschi, accelera a +4,1% da +3,8%, e quella al netto dei soli beni energetici a +4,7% da +4,2%, "livelli che non si vedevano, rispettivamente, da giugno e maggio 1996", sottolinea l'istituto di statistica.

L'inflazione acquisita per il 2022 è pari a +6,7% per l'indice generale e a +3,3% per la componente di fondo.

Il cosiddetto carrello della spesa e i prodotti ad alta frequenza di acquisto accelerano rispettivamente a +9,1% da +8,2% e a +8,7% da +8,4%. Per il "carrello della spesa" si tratta dell'aumento più consistente da settembre 1984.

Venendo all'armonizzato Ipca, a luglio l'indice è in flessione dell'1,1% su mese e in aumento dell'8,4% a livello tendenziale, contro un consensus rispettivamente a -0,9% e +8,8%.

A giugno l'Ipca aveva registrato rialzi dell'1,2% a livello congiunturale e dell'8,5% su anno.

Seguono i dati forniti da Istat per l'indice Nic:

(Antonella Cinelli, editing Valentina Consiglio)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli