Italia markets open in 57 minutes
  • Dow Jones

    34.086,04
    +368,95 (+1,09%)
     
  • Nasdaq

    11.584,55
    +190,74 (+1,67%)
     
  • Nikkei 225

    27.346,88
    +19,77 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,0875
    +0,0009 (+0,09%)
     
  • BTC-EUR

    21.224,78
    +70,01 (+0,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    524,33
    +5,54 (+1,07%)
     
  • HANG SENG

    21.973,97
    +131,64 (+0,60%)
     
  • S&P 500

    4.076,60
    +58,83 (+1,46%)
     

Italia, deficit/Pil trim3 2022 4,7%, in primi 9 mesi 5,5% - Istat

Una bandiera italiana e una bandiera dell'Unione europea a Roma

ROMA (Reuters) - Nel terzo trimestre del 2022, l'indebitamento delle Amministrazioni pubbliche sul Pil si è ridotto in termini tendenziali proseguendo, per il sesto trimestre consecutivo, il percorso di miglioramento.

Secondo i dati diffusi stamani da Istat, nei tre mesi luglio-settembre il deficit/Pil è stato pari al 4,7% dal 6,2% dello stesso periodo 2021, mentre per i primi nove mesi si attesta al 5,5% dal 8,7%.

Il saldo primario per il terzo trimestre è risultato negativo e pari al 0,7% del Pil (-2,8% nel terzo trimestre del 2021).

Il governo punta a un deficit/Pil al 5,6% nel 2022 dal 7,2% registrato nel 2021.

Su base congiunturale, nel terzo trimestre, il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è aumentato dell'1,9%, mentre i consumi sono cresciuti del 4,1%.

La propensione al risparmio è stata pari al 7,1%, in diminuzione di 1,9 punti percentuali, mentre il potere d'acquisto delle famiglie, frenato dalla crescita dei prezzi (+1,6% la crescita del deflatore implicito dei consumi finali delle famiglie), è cresciuto rispetto al trimestre precedente dello 0,3%.

La pressione fiscale è stata pari al 42,7%, in aumento di 1,9 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

(Stefano Bernabei, editing Alessia Pé)