Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.880,24
    +618,34 (+1,98%)
     
  • Nasdaq

    11.535,27
    +180,66 (+1,59%)
     
  • Nikkei 225

    27.001,52
    +262,49 (+0,98%)
     
  • EUR/USD

    1,0695
    +0,0133 (+1,26%)
     
  • BTC-EUR

    27.352,96
    -821,33 (-2,92%)
     
  • CMC Crypto 200

    656,27
    -18,61 (-2,76%)
     
  • HANG SENG

    20.470,06
    -247,18 (-1,19%)
     
  • S&P 500

    3.973,75
    +72,39 (+1,86%)
     

Italia, fondi Ue risparmieranno stagflazione in 2022 - Scope Ratings

Una bandiera italiana a Roma

di Alessia Pe e Sara Rossi

MILANO (Reuters) -Nonostante una crescità più debole e un'inflazione più elevata rispetto agli altri Stati della zona euro, l'Italia dovrebbe evitare la stagflazione quest'anno grazie soprattutto al tempismo con cui verranno erogati i fondi Ue.

E' quanto sostiene l'agenzia Scope Ratings in un report che verrà pubblicato domani.

A causa della pesante dipendenza dal gas e dal greggio russo, l'Italia assieme alla Germania viene considerata il Paese più vulnerabile nella zona euro, pagando quindi il prezzo più elevato a causa del conflitto in Ucraina e dei colli di bottiglia nelle forniture per le restrizioni anti-Covid in Cina.

L'analista di Scope Ratings, Giulia Branz, ha detto a Reuters che le stime di crescita dell'agenzia per l'Italia quest'anno sono di 2-2,5%, ulteriore riduzione rispetto al circa 3% ipotizzato solo alla fine di marzo e al 4-4,5% previsto a inizio anno.

Nel report visto da Reuters, lo scenario base non prevede carenze alle forniture di gas.

Nello stesso scenario inoltre le stime per l'inflazione nel 2022 sono pari a 5,5-6%, con un 'lower bound' altamente improbabile di 4-4,5% se i prezzi al consumo dovessero convergere sul target Bce del 2% entro fine anno.

Il livello di inflazione fotografato dallo scenario base si tradurrebbe, sempre secondo le stime dell'agenzia di rating, in maggiori costi di servizio del debito quest'anno per circa 7-10 miliardi di euro, pari allo 0,4%-0,5% del Pil.

Lo scorso anno la spesa per interessi italiana è stata pari a 62,9 miliardi di euro.

"La mancanza di alternative convenienti e disponibili [alle forniture russe] porterà sicuramente a un'inflazione più elevata e a una crescita più bassa nei prossimi anni. Riteniamo che l'impatto sull'Italia delle sanzioni comminate dalla Ue nei confronti della Russia sarà ben più che temporaneo", si legge nel report.

La stagflazione nel 2022-2023 sarebbe quindi una prospettiva ben più che probabile se non ci fossero i significativi e tempestivi fondi Ue.

All'Italia spettano per il 2022 fondi Ue per circa 40 miliardi di euro, con una prima tranche da circa 24 miliardi già arrivata e riflessa nel miglioramento del saldo del settore pubblico nei primi quattro mesi dell'anno.

Il peggioramento delle prospettive economiche ha inoltre ripercussioni sulle stime dei conti pubblici: Scope Ratings infatti prevede che Roma chiuda il 2022 con un rapporto deficit/Pil di 6% e un debito/Pil a 149%.

A fine marzo le stime dell'agenzia di rating erano pari rispettivamente a 5,5% e a 148%.

Altra fonte di preoccupazione è rappresentata dalle incertezze politiche in viste delle elezioni del prossimo anno.

L'aggiornamento di Scope Rating sul merito di credito dell'emittente sovrano, oggi 'BBB+', con outlook stabile, verrà diffuso a fine luglio.

(Sara Rossi, editing Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli