Italia markets open in 2 hours 12 minutes
  • Dow Jones

    31.961,86
    +424,51 (+1,35%)
     
  • Nasdaq

    13.597,97
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    30.113,65
    +441,95 (+1,49%)
     
  • EUR/USD

    1,2183
    +0,0015 (+0,12%)
     
  • BTC-EUR

    41.140,39
    -609,21 (-1,46%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.000,89
    +6,23 (+0,63%)
     
  • HANG SENG

    30.282,10
    +563,86 (+1,90%)
     
  • S&P 500

    3.925,43
    +44,06 (+1,14%)
     

Italia, manifattura si sta consolidando, scelte strategiche cruciali - Prometeia

·2 minuto per la lettura
Un operaio presso l'azienda manifatturiera Liebherr, che produce utensili per il taglio di ingranaggi, a Collegno

ROMA (Reuters) - L'attività manifatturiera italiana sta facendo registrare un consolidamento con l'avvio dell'anno e dovrebbe rafforzarsi nel secondo semestre, ma la velocità di marcia dipenderà dalle scelte strategiche che il Paese farà rispetto ai fondi Ue.

E' quanto dice un'analisi Prometeia-Intesa, secondo cui il 2020 si è chiuso per l'industria manifatturiera italiana con un calo tendenziale del giro d'affari del 10,2%, pari a 132 miliardi di euro in meno rispetto al 2019.

"La contrazione, inferiore a quella subita con la crisi 2009 (-18,8%), riflette il progressivo recupero dal punto di minimo del ciclo toccato durante il lockdown primaverile: nel periodo agosto-novembre, il fatturato si è riposizionato sui livelli pre-Covid (-0,4%)", si legge nell'analisi.

Tuttavia la velocità di marcia del manifatturiero italiano "dipenderà dalle scelte strategiche finalizzate a ricevere le risorse europee, che potranno dare impulso anche agli investimenti privati".

L'ex presidente della Bce Mario Draghi sta conducendo un secondo giro di consultazioni tra i partiti con l'obiettivo di formare un governo sostenuto dalla maggioranza più ampia possibile, che avrà il compito di gestire il Recovery plan italiano.

Commentando le stime diffuse stamani dall'Istat sulla produzione industriale, Prometeia prevede un recupero a gennaio dell'1% congiunturale, che sarebbe poi seguito da un +0,1% a febbraio e un +0,3% a marzo.

"Tale profilo condurrebbe la produzione industriale a un incremento nella media del I trimestre dello 0,5% rispetto al IV trimestre dello scorso anno", spiega il centro studi.

Stamani Istat ha certificato che il 2020 si è chiuso per la produzione industriale con un crollo dell'11,4% rispetto all'anno prima a causa dell'impatto del Covid-19, il secondo peggiore risultato della serie dopo la caduta registrata nel 2009.