Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,94 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,26 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,44 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,42 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    47.246,14
    -1.661,91 (-3,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,29 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,85 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8695
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Iveco, Giorgetti convoca per giovedì incontro con azienda, parti sociali

·1 minuto per la lettura
Un camion Iveco alla fiera IAA Veicoli Commerciali di Hannover

ROMA (Reuters) - Il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, ha convocato per giovedì il primo tavolo di confronto sul futuro di Iveco, azienda italiana di veicoli commerciali controllata da Cnh Industrial, dice una nota del Mise.

Cnh ha trattato la vendita di Iveco con il gruppo cinese FAW Jiefang, ma ha annunciato sabato scorso la fine dei colloqui, riaffermando però il piano del 2019 di scorporo e quotazione in borsa di Iveco, con l'obiettivo di completarlo entro l'inizio dell'anno prossimo.

Ad inizio marzo il ministro dello Sviluppo economico Giorgetti, esponente leghista, aveva dichiarato che in caso di vendita di Iveco a Faw, il governo avrebbe esercitato il golden power, previsto per le operazioni su asset di interesse nazionale.

Alla riunione, prevista per le 14,00 saranno presenti, tra gli altri, rappresentanti dell'azienda, sindacati, Confindustria, regioni coinvolte, dice la nota.

Cnh Industrial - gruppo italo-Usa produce tra l'altro anche macchine agricole e per le costruzioni, e motori - è a sua volta controllata da Exor, la holding della famiglia Agnelli.

(Redazione Roma)