Italia markets close in 7 hours 22 minutes
  • FTSE MIB

    18.923,29
    -21,85 (-0,12%)
     
  • Dow Jones

    27.685,38
    -650,19 (-2,29%)
     
  • Nasdaq

    11.358,94
    -189,34 (-1,64%)
     
  • Nikkei 225

    23.485,80
    -8,54 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    38,91
    +0,35 (+0,91%)
     
  • BTC-EUR

    11.124,13
    +22,83 (+0,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    261,42
    -2,00 (-0,76%)
     
  • Oro

    1.902,30
    -3,40 (-0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,1806
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • S&P 500

    3.400,97
    -64,42 (-1,86%)
     
  • HANG SENG

    24.787,19
    -131,59 (-0,53%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.099,93
    -5,32 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,9071
    +0,0005 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0721
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,5574
    -0,0019 (-0,12%)
     

Lvmh, vendite trim3 in calo di 7%, meglio di attese

·1 minuto per la lettura
Il logo Louis Vuitton fuori da un negozio a Parigi
Il logo Louis Vuitton fuori da un negozio a Parigi

PARIGI (Reuters) - Il gigante francese del lusso Lvmh ha registrato nel terzo trimestre un calo del 7% delle vendite omogenee, superando le stime degli analisti, con la divisione moda e pelletteria che è riuscita a contenere l'impatto della crisi del coronavirus tornando in territorio positivo.

Il settore del lusso è stato colpito duramente dalla pandemia, che ha costretto i marchi a chiudere temporaneamente negozi in tutto il mondo e ha gravemente colpito il turismo internazionale.

Tuttavia Lvmh, al momento impegnata in una disputa legale sull'acquisizione del gruppo di gioielleria statunitense Tiffany, si è dimostrata più resiliente di altri rivali minori, con il titolo in ribasso solo del 3% dall'inizio dell'anno.

I marchi di punta della moda e della pelletteria, Louis Vuitton e Dior, hanno mostrato una performance migliore rispetto alla maggior parte dei concorrenti e l'intera divisione ha visto nel trimestre un aumento del 12% delle vendite a perimetro omogeneo, escludendo quindi l'impatto del cambio e di acquisizioni.

Le vendite omogenee di vini e liquori sono diminuite del 3% nel periodo, mentre profumi e cosmetici sono calati del 16%, orologi e gioielli hanno visto una flessione del 14% e la divisione retail -- la più esposta ai flussi turistici - è crollata del 29%.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Milano Sabina Suzzi)