Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.211,21
    +336,97 (+0,99%)
     
  • Nasdaq

    14.349,31
    +77,58 (+0,54%)
     
  • Nikkei 225

    28.875,23
    +0,34 (+0,00%)
     
  • EUR/USD

    1,1933
    0,0000 (-0,00%)
     
  • BTC-EUR

    29.176,86
    +722,17 (+2,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    839,33
    +52,72 (+6,70%)
     
  • HANG SENG

    28.882,46
    +65,39 (+0,23%)
     
  • S&P 500

    4.265,46
    +23,62 (+0,56%)
     

Mix di vaccini, AstraZeneca + Pfizer: quali sono gli effetti

·2 minuto per la lettura
Mix di vaccini, AstraZeneca + Pfizer: quali sono gli effetti (Photo by Álex Cámara/NurPhoto via Getty Images)
Mix di vaccini, AstraZeneca + Pfizer: quali sono gli effetti (Photo by Álex Cámara/NurPhoto via Getty Images)

Cosa succede se si "mixano" tra loro i diversi vaccini anti Covid? Se lo chiedono molti italiani che, per timore di effetti collaterali, dopo la prima dose di AstraZeneca vorrebbero ricevere la seconda di Pfizer. Nonostante l'Ema e l'Aifa abbiano più volte assicurato che il rischio di trombosi in seguito al siero anti Covid siano bassissimi, uno studio ha rivelato cosa succede se si ricevono due dosi di vaccino diverso.

Pubblicato su "Lancet", uno studio dell'Università di Oxford ha scoperto che ci sono più probabilità di effetti collaterali lievi e moderati negli adulti dopo un mix di vaccini. La conclusione, quindi, è che chi ha avuto la prima dose di AstraZeneca farebbe meglio a non cambiare tipo di siero per il richiamo.

GUARDA ANCHE - Il Covid danneggia i vasi sanguigni e può causare disfunzione erettile

Sono stati reclutati 830 volontari sopra i 50 anni per questo studio e tra chi si è vaccinato con due dosi di AstraZeneca, uno su dieci ha avuto la febbre dopo la seconda dose, mentre il 34% dei vaccinati con AstraZeneca per la prima dose e Pfizer la seconda ha avuto reazioni avverse.

In questo caso gli effetti collaterali erano brividi, mal di testa e dolori muscolari.

“È una scoperta davvero intrigante e anche inaspettata”, ha commentato Matthew Snape, dell’Oxford Vaccine Group.

Antonio Cassone dell’American Academy of Microbiology ha fatto notare però che “lo studio ha considerato soltanto persone sopra i 50 anni e quindi non sappiamo se nei più giovani gli effetti possano essere di più, o più gravi”. Inoltre “non sappiamo se cambiare dose possa conferire maggiore risposta anticorpale. Teoricamente potrebbe darne anche di meno, perché il vaccino è composta anche da altro materiale che interagisce e si combina”.

GUARDA ANCHE - Rompe una dose di vaccino, l'incredibile storia di un'infermiera

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli