Italia markets close in 27 minutes
  • FTSE MIB

    24.324,88
    +59,43 (+0,24%)
     
  • Dow Jones

    33.743,11
    +146,77 (+0,44%)
     
  • Nasdaq

    11.021,78
    +6,89 (+0,06%)
     
  • Nikkei 225

    27.686,40
    -199,47 (-0,72%)
     
  • Petrolio

    73,60
    -0,65 (-0,88%)
     
  • BTC-EUR

    16.035,20
    -266,68 (-1,64%)
     
  • CMC Crypto 200

    395,48
    -6,55 (-1,63%)
     
  • Oro

    1.793,00
    +10,60 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,0505
    +0,0036 (+0,35%)
     
  • S&P 500

    3.954,26
    +13,00 (+0,33%)
     
  • HANG SENG

    18.814,82
    -626,36 (-3,22%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.939,49
    +0,30 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8613
    -0,0014 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    0,9867
    +0,0007 (+0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,4298
    +0,0012 (+0,09%)
     

Mps, Axa valuta investimento senza modifiche a JV - fonti

Il logo di Monte dei Paschi di Siena a Roma

di Valentina Za

MILANO (Reuters) - Il possibile investimento di almeno 100 milioni della francese Axa nell'aumento di capitale del Monte dei Paschi di Siena (Mps) non è legato a una modifica degli accordi di joint-venture assicurativa con la banca toscana, hanno riferito due fonti vicine alla situazione.

Mps ha avviato contatti sia con Axa, sia con l'asset manager Anima, entrambi partner commerciali della banca, per la partecipazione all'imminente ricapitalizzazione da massimi 2,5 miliardi.

Mentre il ruolo di Anima è legato alla revisione dell'accordo commerciale, l'investimento di Axa non prevede alcuna modifica degli accordi di 'bancassurance' con Mps, hanno detto le fonti.

Secondo le fonti, Axa sta valutando di investire tra i 100 e i 150 milioni nell'aumento a cui lo Stato può partecipare con 1,6 miliardi, in linea con la sua partecipazione del 64% acquisita nel 2017 con il salvataggio della banca.

Axa non ha rilasciato commenti.

Mps deve raccogliere il resto dei 2,5 miliardi da investitori privati per ottemperare alle regole europee sugli aiuti di Stato, ma la ricapitalizzazione arriva proprio quando le minacce di recessione e inflazione tengono lontano gli investitori dagli asset più rischiosi.

Mps ha rinviato a lungo il coinvolgimento di Anima e Axa per il timore che i legami commerciali sulle attività a pagamento possano ostacolare la futura ricerca di un compratore.

I colloqui, iniziati seriamente solo di recente, procedono a rilento e non è stato ancora firmato alcun accordo, hanno precisato le fonti.

Mps aveva pensato inizialmente di lanciare l'aumento il 10 ottobre, se fosse riuscito ad assicurarsi investitori chiave entro quella data.

L'avvio dell'operazione è ora previsto il 17 ottobre, comunque un tempo sufficiente per Mps per ottenere i fondi necessari a finanziare un costoso piano di prepensionamenti.

Axa e Mps si sono alleate per la prima volta nel 2007, quando l'assicuratore francese ha acquistato il 50% delle controllate Vita e Danni e delle attività sui fondi pensione della banca toscana. Rinnovato un decennio dopo, l'accordo scade nel 2027.

Axa è azionista di lungo corso in Mps. Il salvataggio del 2017 ne aveva diluito la presenza nel capitale della banca senese a una quota che l'allora Cfo Gerald Harlin aveva indicato attorno all'1%, dopo un investimento complessivo nel corso degli anni che sempre Harlin aveva quantificato in 900 milioni.

Axa Italia, che oltre alle JV bancarie Axa Mps Assicurazioni Vita, Axa Mps Assicurazioni Danni e Axa Mps Financial include anche una rete di 650 agenzie, ha registrato un utile netto di 328 milioni lo scorso anno, in crescita del 19%, su una raccolta premi pari a 6,7 miliardi.

(Versione italiana Claudia Cristoferi, editing Sabina Suzzi)