Italia Markets closed

Previsioni giornaliere fondamentali USD / JPY – L’ottimismo rinnovato rispetto all’accordo commerciale potrebbe innescare un breakout superiore a 109,317

James Hyerczyk

Il Dollaro/Yen viene scambiato leggermente in calo all’inizio di giovedì dopo aver recuperato più della metà delle sue perdite precedenti. La coppia Forex era sotto pressione poco dopo l’apertura quando il pessimismo si insinuò nel mercato su rinnovate preoccupazioni per le relazioni commerciali USA-Cina.

Gli investitori erano preoccupati per la mancanza di progressi nei negoziati commerciali e riporta che la firma della “fase uno” dell’accordo commerciale potrebbe essere ritardata fino a dicembre. Il rimbalzo infragiornaliero è alimentato dalle ultime notizie sulla possibile revoca delle tariffe.

Alle 08:53 GMT, l’USD/JPY è scambiato a 108,965, in calo dello 0,016 o -0,02%.

Limitato dalle preoccupazioni su dove verrà firmato l’accordo

All’inizio della sessione di negoziazione, il Dollaro/Yen è stato messo sotto pressione dai rapporti secondo cui il presidente Donald Trump e il leader cinese Xi Jinping probabilmente non si incontreranno per firmare un accordo commerciale fino a dicembre.

Reuters ha riferito, “Un incontro tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il presidente cinese Xi Jinping per firmare un atteso accordo commerciale interinale potrebbe essere ritardato fino a dicembre, poiché le discussioni continuano su termini e sede, secondo un alto funzionario dell’amministrazione Trump”.

Il funzionario, che ha parlato a condizione di anonimato, ha detto che era ancora possibile che l’accordo di “prima fase” volto a porre fine a una guerra commerciale dannosa non sarebbe stato raggiunto, ma un accordo era più probabile che no.

Dozzine di luoghi sono stati proposti per l’incontro, che originariamente era stato programmato per svolgersi a margine di un summit di metà novembre ormai annullato dei leader dell’Asia-Pacifico in Cile, ha detto il funzionario.

Il funzionario ha anche affermato che si ritiene che la Cina consideri un accordo rapido come la migliore opportunità per condizioni favorevoli, data la pressione che Trump sta affrontando da un’indagine sull’impeachment del Congresso mentre cerca la rielezione nel 2020.

“I negoziati continuano e si stanno facendo progressi sul testo dell’accordo di prima fase”, ha dichiarato il portavoce della Casa Bianca Judd Deere. “Ti informeremo quando avremo un annuncio in una posizione di firma.”

Previsioni giornaliere

Una sessione di trading “a rischio” potrebbe creare lo slancio necessario affinché l’USD/JPY si sblocchi sul massimo della scorsa settimana a 109,287 e il massimo del 1 agosto a 109,317.

Il catalizzatore dietro la mossa potrebbe essere la notizia che gli Stati Uniti e la Cina hanno concordato di alzare le tariffe in fasi mentre entrambi i motori economici continuano a far progredire gli accordi commerciali.

Secondo i rapporti, la Cina e gli Stati Uniti devono contemporaneamente cancellare alcune tariffe esistenti sui beni reciproci per entrambe le parti per raggiungere un accordo commerciale di “fase uno”, ha detto giovedì il ministero cinese del commercio.

La percentuale di tariffe annullate deve essere la stessa e quante tariffe devono essere annullate possono essere negoziate, ha affermato Gao Feng, portavoce del ministero del commercio.

Entrambe le parti hanno concordato nelle ultime due settimane di annullare le tariffe aggiuntive imposte durante i loro mesi di guerra commerciale in diverse fasi, ha affermato Gao.

Bloomberg riferisce: “L’importo della riduzione tariffaria che verrebbe nella prima fase, che dovrebbe essere firmato nelle prossime settimane, dipenderà dal contenuto di tale accordo”, ha detto il portavoce Gao Feng giovedì, senza fornire ulteriori dettagli. Le due parti hanno avuto “colloqui costruttivi” nelle ultime due settimane, ha detto.

Bloomberg ha inoltre aggiunto: “Se confermato dagli Stati Uniti, tale comprensione potrebbe fornire una tabella di marcia per declassare una guerra commerciale che getta un’ombra sull’economia mondiale. La domanda chiave della Cina dall’inizio dei negoziati è stata la rimozione delle tariffe punitive imposte dal presidente Donald Trump, che ormai si applicano alla maggior parte delle sue esportazioni verso gli Stati Uniti “

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: