Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.766,09
    +280,08 (+1,14%)
     
  • Dow Jones

    34.382,13
    +360,68 (+1,06%)
     
  • Nasdaq

    13.429,98
    +304,99 (+2,32%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,46 (+2,32%)
     
  • Petrolio

    65,51
    +1,69 (+2,65%)
     
  • BTC-EUR

    40.376,00
    -129,59 (-0,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,33
    +39,77 (+2,93%)
     
  • Oro

    1.844,00
    +20,00 (+1,10%)
     
  • EUR/USD

    1,2146
    +0,0062 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    4.173,85
    +61,35 (+1,49%)
     
  • HANG SENG

    28.027,57
    +308,90 (+1,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.017,44
    +64,99 (+1,64%)
     
  • EUR/GBP

    0,8610
    +0,0014 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0943
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4697
    +0,0005 (+0,04%)
     

Shopping, gli utenti cercano online ma comprano in negozio

MTT

di Fabrizio Arnhold

Si chiama Ropo (research online, purchase offline) ed è un fenomeno che colpisce chi fa shopping. Si cercano gli articoli online ma poi si preferisce perfezionare l’acquisto in un negozio fisico. Le abitudini di acquisto emergono da una ricerca, condotta da Xtribe, che ha analizzato un campione di 500mila utenti.

La classifica

Cercare online per poi comprare offline è un fenomeno in crescita. La classifica di Xtribe conferma il trend: al primo posto, per quanto riguarda l’acquisto di prodotti fisici offline dopo una ricerca avvenuta online, troviamo la categoria dell’abbigliamento che corrisponde al 40% del totale. A seguire ci sono i prodotti tecnologici (30%), i videogame (30%), l’area motori (20%) e, infine, i prodotti legati al tempo libero e agli hobby (10%).

Le abitudini di acquisto degli utenti secondo Xtribe
Le abitudini di acquisto degli utenti secondo Xtribe

Migliorare l’esperienza d’acquisto

Sono dati che fanno riflettere e che evidenziano, per aree specifiche, una chiara presenza e propensione verso il fenomeno del ROPO (research online, purchase offline, ndr)”, spiega Mattia Sistigu, coo di Xtribe. “Fenomeno in crescita negli ultimi anni, dove, sempre più persone cercano informazioni online per poi completare l’acquisto nei negozi fisici, dove l’interazione umana e la possibilità di confronto giocano un ruolo fondamentale”. L’esperienza di acquisto, quindi, da perfezionare in un negozio fisico deve essere rapida.

Come funziona l’app

Sappiamo che, attualmente, il 61% degli acquisti viene influenzato dal digitale e che i consumatori non si limitano ad acquistare soltanto online, ma spesso utilizzano la tecnologia per cercare un prodotto adatto alle proprie esigenze, per poi provarlo ed acquistarlo offline, in un negozio fisico”, continua Sistigu. “E lo sperimentiamo ogni giorno, grazie a tutti i dati che abbiamo raccolto e analizzato.” Xtribe sfrutta la geolocalizzazione e consente agli utenti di vedere prodotti e servizi in vendita nelle immediate vicinanze. Una volta individuato online il prodotto che si vuole comprare, si trova sull’app il negozio fisico più vicino che lo possiede. L’applicazione al momento contra 700mila download e 5mila store registrati.

Leggi anche:

Il miliardario svizzero che donerà 1 miliardo di dollari per salvare il pianeta

Facebook lancerà la sua moneta virtuale

Carne alternativa, ecco le ricette di quattro startup