Italia markets close in 5 hours 27 minutes
  • FTSE MIB

    21.280,72
    -409,93 (-1,89%)
     
  • Dow Jones

    30.316,32
    +825,43 (+2,80%)
     
  • Nasdaq

    11.176,41
    +360,97 (+3,34%)
     
  • Nikkei 225

    27.120,53
    +128,32 (+0,48%)
     
  • Petrolio

    86,13
    -0,39 (-0,45%)
     
  • BTC-EUR

    20.262,29
    +21,23 (+0,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    455,51
    +10,08 (+2,26%)
     
  • Oro

    1.715,20
    -15,30 (-0,88%)
     
  • EUR/USD

    0,9927
    -0,0059 (-0,60%)
     
  • S&P 500

    3.790,93
    +112,50 (+3,06%)
     
  • HANG SENG

    18.087,97
    +1.008,46 (+5,90%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.446,86
    -37,62 (-1,08%)
     
  • EUR/GBP

    0,8716
    +0,0017 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    0,9768
    -0,0016 (-0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,3484
    +0,0003 (+0,03%)
     

Tre suicidi a settimana per motivi economici. Una tragedia che continua nel disinteresse generale

(Getty)
(Getty)

I dati fanno impressione e rabbia: 878 suicidi per motivi economici al 2012 al 2017. Praticamente tre a settimana. In 608 casi si è sfiorata la tragedia. Sono i numeri del laboratorio di ricerca sociale della Link campus University di Roma e fotografano una realtà, quella del tessuto imprenditoriale e produttivo del nostro Paese, sempre più sofferente ma pressoché ignorata.

I casi

I due episodi più recenti riguardano due titolari d’azienda piemontesi. Un industriale di Rivoli, a 57 anni, ha preferito suicidarsi nella sua azienda invece che affrontare il dramma del fallimento. Un artigiano di Pinerolo si è barricato nella sua officina e si è ucciso sparandosi un colpo in testa. Tutto nel quasi completo disinteresse delle istituzioni che fanno poco o nulla per aiutare che è rimasto schiacciato, senza riuscire a sopportarlo, dalla crisi.

Le colpe della politica

In questi cinque anni, se analizziamo il quinquennio 2012-2017, la politica è stata assente. A gennaio Bruno Ferrari, il titolare di una storica azienda della montagna piacentina, ha inscenato un funerale davanti al Comune della sua città, poi si è ammanettato al portone. Dava lavoro a quindici persone, l’alluvione del 2015 lo ha messo in ginocchio e lo Stato lo ha ignorato.

Gli effetti della crisi

La storia di Sergio Bramini è simile. L’imprenditore brianzolo è stato messo in ginocchio dai crediti insoluti. Si è incatenato, a maggio, nel cortile della sua ditta, subito dopo aver ricevuto l’ordine di sgombero. Storie lavorative con tanti punti in comune, compresa l’assenza del governo che fino ad oggi non si è mosso per aiutare chi contribuisce a rendere florido il tessuto produttivo del nostro Paese, ma che ne rimane impantanato senza riuscire a ripartire.

Leggi anche: