Italia markets open in 2 hours 42 minutes
  • Dow Jones

    31.438,26
    -62,42 (-0,20%)
     
  • Nasdaq

    11.524,55
    -83,07 (-0,72%)
     
  • Nikkei 225

    26.921,46
    +50,19 (+0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,0584
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • BTC-EUR

    19.571,66
    -571,30 (-2,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    449,90
    -11,89 (-2,58%)
     
  • HANG SENG

    22.039,11
    -190,41 (-0,86%)
     
  • S&P 500

    3.900,11
    -11,63 (-0,30%)
     

Corte appello Milano boccia ricorso Rcs in disputa con Blackstone su via Solferino

Il logo RCS MediaGroup presso la sede a Milano

MILANO (Reuters) - La prima sezione civile della Corte d'appello di Milano ha rigettato il ricorso proposto da Rcs MediaGroup contro un lodo arbitrale chiuso nel 2021 e relativo alla disputa con Blackstone sulla cessione della sede storica del gruppo editoriale al fondo statunitense.

È quanto si legge in un comunicato della corte, dal quale si apprende che l'impugnazione è stata rigettata "integralmente".

Secondo la sentenza, prima di definire la compravendita con Blackstone, Rcs si era rivolta a oltre 30 investitori "nessuno dei quali aveva proposto condizioni economiche migliori".

Inoltre, il confronto del prezzo pattuito nell'Apa (Advance Pricing Arrangement) con le offerte ricevute da Rcs durante il procedimento competitivo dimostrava che "tutte le alternative di mercato si assestavano, in modo totalmente autonomo e genuino, su valori sostanzialmente omogenei", si legge ancora.

Blackstone non ha commentato, mentre in una nota, Rcs ha preso atto della sentenza, che prevede il rimborso a Blackstone delle spese del giudizio di impugnazione dei lodi, liquidate in circa 250.000 euro.

La camera arbitrale di Milano aveva deciso a maggio 2021 a favore del fondo statunitense, respingendo le richieste di risarcimento di Rcs per la cessione della sede storica del Corriere della Sera in via Solferino, a Milano.

Blackstone aveva acquistato l'immobile per 120 milioni di euro nel 2013, con un patto per il riaffitto a 10 milioni l'anno circa, ma secondo Rcs e la controllante Cairo Communication , la vendita avrebbe dovuto essere annullata perché avvenuta a prezzi troppo bassi proprio per la situazione di forte stress finanziario in cui si trovava la società. I ricorrenti ventilavano anche un'attività di tipo usuraio, legata anche all'alto costo del riaffitto imposto alla società editrice. Ma prima gli arbitri del lodo, poi la Corte d'appello di Milano, hanno rigettato questa tesi.

Parallelamente, secondo un filing visto da Reuters a giugno 2021, Blackstone ha chiesto a un tribunale di New York di unire due cause legate alla vicenda e ha richiesto inoltre danni per un totale di 600 milioni di dollari.

Intorno alle 15,40, i titoli Cairo ed Rcs perdono rispettivamente il 3,2% e l'1,1% rispetto a un calo dello 0,8% dell'indice all-share di Milano.

(in redazione Federico Maccioni, editing Francesca Piscioneri, Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli