Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.636,26
    +89,76 (+0,37%)
     
  • Dow Jones

    33.107,70
    +470,51 (+1,44%)
     
  • Nasdaq

    12.084,32
    +343,67 (+2,93%)
     
  • Nikkei 225

    26.781,68
    +176,84 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    115,06
    +0,97 (+0,85%)
     
  • BTC-EUR

    26.562,17
    -1.058,06 (-3,83%)
     
  • CMC Crypto 200

    617,57
    -11,93 (-1,90%)
     
  • Oro

    1.851,90
    +4,30 (+0,23%)
     
  • EUR/USD

    1,0735
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.142,99
    +85,15 (+2,10%)
     
  • HANG SENG

    20.697,36
    +581,16 (+2,89%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.808,86
    +68,55 (+1,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8496
    -0,0015 (-0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0275
    -0,0012 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,3653
    -0,0048 (-0,35%)
     

Forex, euro perde ancora terreno su $, a minimo da 2017

Una banconota da 20 Euro

NEW YORK (Reuters) - Nei primi scambi statunitensi l'euro continua a scivolare, portandosi sotto quota 1,06 dlr per la prima volta in cinque anni in un mercato che vede il biglietto verde rafforzarsi tra le preoccupazioni per la sicurezza energetica e la crescita in Cina e in Europa.

Intorno alle 15 italiane, la moneta unica cede quasi lo 0,8% intorno a 1,0552 dlr dopo che il colosso russo Gazprom ha annunciato l'interruzione dei flussi verso Polonia e Bulgaria, mentre l'offensiva russa in Ucraina prosegue.

Nel mese di aprile l'euro ha perso sinora oltre il 4%, avviandosi verso la peggior performance mensile in oltre sette anni.

"Il dollaro prospera quando ci sono turbolenze sui mercati", sintetizza Francesco Pesole, strategist valutario di Ing.

In Europa si moltiplicano i segnali negativi sul lato macro. La fiducia dei consumatori francesi è scesa oltre le attese in aprile.

I timori di un rallentamento si fanno sentire anche in Cina, dove le autorita' sono alle prese con nuove misure restrittive per tentare di arginare la rescrudescenza del Covid.

Lo yuan prende fiato dopo aver toccato lunedì il minimo da 13 mesi contro dollaro ed è stabile intorno a 6,5500 per dollaro.

Sempre attorno alle 15, l'indice sul biglietto verde balza di oltre lo 0,6% a 102,970, sui massimi dai primi giorni della pandemia nel marzo 2020.

A sostenere la divisa statunitense, anche le aspettative secondo cui l'inasprimento monetario sara' piu' rapido negli Stati Uniti che nelle altre principali economie.

La forza del dollaro colpisce anche lo yen che perde lo 0,7% nonostante il supporto di flussi safe-to-haven.

La banca del Giappone, che si riunisce domani, dovrebbe nelle attese mantenere la sua politica ultra-accomodante nel tentativo di sostenere una ripresa gia' fragile, minacciata ulteriormente dal rincaro delle materie prime.

(versione italiana Valentina Consiglio, editing Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli