Italia markets close in 5 hours 53 minutes
  • FTSE MIB

    20.499,15
    -462,23 (-2,21%)
     
  • Dow Jones

    29.134,99
    -125,82 (-0,43%)
     
  • Nasdaq

    10.829,50
    +26,58 (+0,25%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • Petrolio

    78,14
    -0,36 (-0,46%)
     
  • BTC-EUR

    19.523,97
    -1.703,48 (-8,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    427,00
    -32,14 (-7,00%)
     
  • Oro

    1.625,60
    -10,60 (-0,65%)
     
  • EUR/USD

    0,9554
    -0,0044 (-0,46%)
     
  • S&P 500

    3.647,29
    -7,75 (-0,21%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.262,55
    -66,10 (-1,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8946
    +0,0007 (+0,08%)
     
  • EUR/CHF

    0,9489
    -0,0026 (-0,27%)
     
  • EUR/CAD

    1,3201
    +0,0031 (+0,24%)
     

Germania, ordini industria in calo a luglio per sesto mese consecutivo, pesa guerra Ucraina

La bandiera nazionale tedesca a Berlino

BERLINO (Reuters) - Gli ordini dell'industria tedesca sono scesi per il sesto mese consecutivo a luglio, con la guerra in Ucraina che continua a pesare sulla maggiore economia europea.

Lo ha comunicato il ministero dell'Economia.

Gli ordini di beni industriali sono diminuiti dell'1,1% su base mensile in termini destagionalizzati, secondo i dati https://www.destatis.de/DE/Presse/Pressemitteilungen/2022/09/PD22_373_421.html dell'Ufficio Federale di statistica. Rispetto al luglio 2021, gli ordini sono diminuiti del 13,6%.

Un sondaggio di analisti condotto da Reuters aveva previsto un calo dello 0,5% a luglio, dopo che a giugno gli ordini erano scesi dello 0,3% rivisto al rialzo.

Il rallentamento dell'economia globale, la carenza di materiali e l'aumento dei prezzi stanno attualmente causando difficoltà all'industria.

"L'andamento della domanda nel settore manifatturiero ha continuato ad essere debole all'inizio del terzo trimestre a causa della guerra e degli elevati prezzi del gas", ha spiegato il ministero dell'Economia, secondo cui le prospettive per il secondo semestre rimangono modeste.

In particolare, gli ordini interni sono scesi del 4,5% a luglio, mentre gli ordini dall'estero sono cresciuti dell'1,3%, secondo l'ufficio di statistica.

"Il fatto che il calo provenga esclusivamente dal mercato interno è coerente; dopo tutto la Germania sta affrontando una crisi energetica", ha detto Joerg Kraemer, capo economista della Commerzbank.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Francesca Piscioneri)