Italia markets close in 5 hours 26 minutes

Google ha trovato 6mila account che spacciano fake news in Italia

(Photo by Omar Marques/SOPA Images/LightRocket via Getty Images)

A gennaio Google ha fatto un po’ di pulizia, cancellando ben 6.226 account pubblicitari truffa. Circa uno su otto di quelli oscurati nello stesso periodo nell’Unione europea (48.642 il totale). Tanto lavoro per gli analisti di Mountain View che hanno faticato di più in Gran Bretagna (16.679 account fermati), Estonia (12.295) e Romania (8.652).

Il rapporto

I numeri emergono dal primo rapporto mensile che Google è tenuta a pubblicare sulla scorta degli impegni siglati con la Commissione europea per difendere le elezioni del parlamento Ue dalle fake news e dalla disinformazione.

I numeri

Nel primo mese di attività dopo l’ok al codice di condotta con Bruxelles (Facebook e Twitter gli altri firmatari), il gigante tecnologico ha ripulito la rete da oltre 48mila account di Google Ads sospetti. In sostanza ha staccato la spina togliendo la monetizzazione degli annunci e solo “in alcuni casi lampanti gli account pubblicitari sono stati disabilitatati”. Google è intervenuta cancellando i profili che hanno violato le regole sulla rappresentazione fasulla, ovvero che hanno dato false informazioni sulla propria identità, hanno pubblicato annunci tarocchi o, ancora, hanno diffuso fake news.

La situazione in Italia

Secondo i dati di Google, in Italia la situazione non è affatto buona, con forme di disinformazione online tra le più virali. I dati saltano fuori anche da un precedente studio. Google etichetta siti in cui ci sono più pubblicità che informazioni, portali che fanno copie esatte dei contenuti di altri siti, oppure siti che sfornano contenuti sfornati da bot. In questo casi specifico, Google ha rimosso 3.258 account in tutta Europa, di cui 1.074 nel Regno Unito e 214 in Italia, al quinto posto di questa poco lusinghiera classifica.

Leggi anche:

Cybersicurezza, una falla di Google Chrome dà accesso al pc da remoto

La Cina vuole costruire la sua Silicon Valley per superare gli USA

Cervicale da smartphone, cause e cure per risolverla