Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    24.636,26
    +89,76 (+0,37%)
     
  • Dow Jones

    33.212,96
    +575,77 (+1,76%)
     
  • Nasdaq

    12.131,13
    +390,48 (+3,33%)
     
  • Nikkei 225

    26.781,68
    +176,84 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    115,07
    +0,98 (+0,86%)
     
  • BTC-EUR

    26.836,72
    -307,21 (-1,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    625,79
    -3,71 (-0,59%)
     
  • Oro

    1.850,60
    +3,00 (+0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,0739
    +0,0006 (+0,0537%)
     
  • S&P 500

    4.158,24
    +100,40 (+2,47%)
     
  • HANG SENG

    20.697,36
    +581,16 (+2,89%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.808,86
    +68,55 (+1,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8497
    -0,0014 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0271
    -0,0016 (-0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,3655
    -0,0046 (-0,33%)
     

Previsioni Prezzo Oro: si Estendono le Perdite per la Commodity

Una settimana conclusa abbastanza turbolenta per il prezzo dell’Oro, dominata dalle riunioni della Banche Centrali, dai crescenti timori sulla crescita globale tornate alla ribalta a causa del prolungamento e ampliamente del lockdown in Cina (Shanghai fra tutti) e dai recenti rialzi dei tassi di interesse.

Il recente rialzo del dollaro USA è dato soprattutto dall’aumento dei tassi di interesse della FED (ampiamente trattato nelle analisi precedenti) nonostante una posizione meno aggressiva rispetto alle previsioni. Tuttavia, la Banca Centrale Statunitense rimane ferma sulla propria strada per un ulteriore rialzo dei tassi di interesse di 50 punti base nei prossimi due incontri e quindi gli investitori si aspettano un ulteriore ribasso del prezzo dell’Oro nei prossimi mesi.

Il prezzo dell’Oro tra la paura dell’inflazione e il rialzo dei tassi USA

Gli sforzi per combattere l’inflazione produrranno probabilmente venti contrari per l’Oro a causa della volontà delle principali Banche Centrali di normalizzare la propria politica monetaria ma già dalle previsioni degli analisti sui dati IPC degli Stati Uniti si potrebbe vedere un primo movimento short del prezzo dell’Oro poiché si prevede che il dato sull’inflazione USA passerà dall’8,5% all’8,1%.

Questa volontà delle Banche Centrali di allentare le pressioni inflazionistiche dovrebbe comportare una forte diminuzione dell’attrattiva dell’Oro poiché il FOMC rimane fortemente sulle proprie decisioni di aumentare i tassi di interesse nei prossimi mesi e la FED sembra essere sulla buona strada per un ulteriore aumento dei tassi di 50 punti base il 15 giugno, con una probabilità del 78,6%.

Analisi Tecno-Grafica e previsioni Oro

Al momento della scrittura il prezzo dell’Oro quota 1.858,60 $, in ribasso dell’1,33%.

Sulla commodity sta pesando il dollaro forte e il rialzo dei rendimenti obbligazionari che potrebbero accompagnare la quotazione verso il primo obiettivo rappresentato dal target intermedio 1.830 $. Guardando ad un futuro più lontano, il prezzo dell’Oro potrebbe ulteriormente scendere considerando i prossimi aumenti dei tassi USA e raggiungere un livello particolare di prezzo rappresentato dalla zona di swing 1.776,14 $.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico. È inoltre possibile seguire la nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sulle ultime notizie economiche e analisi tecniche.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli